Sanità: M5S, stop a bluff elettorali. Zingaretti garantisca servizi

loading...

NewTuscia – ROMA – Secondo le valutazione dell’advisor la perdita stimata è tre volte maggiore rispetto a quella annunciata dal Governatore.

“Garantire nell’annualità 2019 il pareggio di bilancio, e allo stesso tempo la completa operatività dei servizi, superando il disavanzo del 2017, la cui perdita è di 45,665 milioni di euro, a fronte dei Piani Operativi della Regione che prevedevano una chiusura in equilibrio e del disavanzo che si profila anche per il 2018 come da valutazione dello stesso advisor regionale.” Questa in sintesi la richiesta principale contenuta in un ordine del giorno presentato dai consiglieri regionali Movimento 5 Stelle del Lazio durante il Consiglio straordinario dedicato al commissariamento della sanità.

“Dall’ultima verifica non risultano Asl in utile, quindi è di fondamentale importanza la chiusura dei bilanci in pareggio, con particolare attenzione alla Asl di Frosinone per la sua esposizione contabile a rischio”. Si legge nel testo: “Serve inoltre diminuire i tempi di pagamento ai fornitori, che attualmente sono oltre i limiti di legge europei; ripristinare il corretto tasso di occupazione dei posti letto, affrontare i problemi della rete di emergenza/urgenza e ridefinire tutte le azioni per l’abbattimento delle liste di attesa; Inoltre serve sbloccare le risorse non trasferite alle Asl per 632 milioni di euro, garantendo che il bilancio della GSA sia pubblico e pienamente trasparente”.

Infine sul piano dell’organizzazione dei servizi e della governance i 5 stelle hanno chiesto. “La revisione del modello fallimentare delle case della salute, il superamento urgente della carenza cronica del personale territoriale ed ospedaliero allocato sui servizi per la salute mentale, l’attivazione delle equipes multidisciplinari territoriali e l’avvio di uno studio di fattibilità relativo alla graduale e sostenibile reinternalizzazione dei servizi sanitari; l’avvio di una definizione condivisa, equilibrata e sostenibile del modello ‘azienda zero’, non da ultimo l’adesione al network delle regioni, in modo da avere a disposizione un sistema di valutazione delle performances del sistema sanitario regionale del Lazio”.

Ufficio Comunicazione M5S Regione Lazio
XI Legislatura