Montalto di Castro, indagati per peculato Sergio Caci, Carmelo Messina e Alessandro Fiordomi

NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Indagati dalla finanza per peculato il sindaco Sergio Caci, Carmelo Messina, presidente della Fondazione Vulci, e Alessandro Fiordomi, direttore della stessa Fondazione.

Dall’indagine è emerso che con i soldi per il parco essi finanziassero spese private, andando a sottrarre al sito naturalistico dell’Etruria meridionale circa 182 mila euro. I finanzieri, sotto la spinta della Repubblica di Civitavecchia hanno cominciato ad indagare sulla Mastarna Srl e sulla fondazione Vulci, portando alla luce il reato, iniziato nel 2012, attraverso testimonianze e l’esame dei documenti.

Sequestrati dunque i beni patrimoniali degli accusati, oltre alle polizze assicurative e ad ogni tipo di disponibilità finanziaria.

I soldi sarebbero stati spesi in pranzi e cene a cui avrebbero partecipato tra l’altro anche altri esponenti del Comune e in cui venivano addebitate all’Ente le spese e l’acquisto di altri generi alimentari.

La porzione maggiore sottratta corrisponde a quella del sindaco, 91 mila euro, ma tutti e tre dovranno rispondere alle accusa di peculato che prevede in caso di condanna anche il carcere da tre a dieci anni.

Un pensiero riguardo “Montalto di Castro, indagati per peculato Sergio Caci, Carmelo Messina e Alessandro Fiordomi

  • 15 Maggio 2019 in 2:04
    Permalink

    Can I simply just say what a comfort to discover a person that truly knows what they’re
    discussing over the internet. You certainly
    know how to bring an issue to light and make it important.
    A lot more people really need to look at this and understand this side of the
    story. It’s surprising you aren’t more popular given that you certainly possess the gift.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *