Italia Nostra Lazio partner campagna #ProtectWater contro modifiche della Direttiva Quadro Acque

NewTuscia – ROMA – La campagna in difesa del sistema europeo di protezione delle acque. Anche Italia Nostra Lazio in difesa della Direttiva Quadro Acque 2000/60/CEE (WFD). Dopo l’avvio dal 17 settembre 2018 della consultazione pubblica da parte dell’Unione Europea sulla Direttiva Quadro Acque, l’associazione  ambientalista ha aderito alla campagna #ProtectWater che riunisce numerose organizzazioni  in difesa del sistema di protezione introdotto dal 2000 da questa normativa.

Per Italia Nostra Lazio la Direttiva Quadro Acque va certamente attuata in tutti i suoi aspetti e non va assolutamente modificata poiché, laddove è stata applicata, ha prodotto efficaci sistemi di protezione
delle acque.

“L’acqua, anche a seguito dei cambiamenti climatici, è destinata a divenire una risorsa sempre più scarsa e con la campagna #ProtectWater – sottolinea Franco Medici, referente nazionale per Italia Nostra della campagna #ProtectWater e presidente del Consiglio regionale Lazio di Italia Nostra – si chiede all’Unione Europea di non apportare modifiche, ma piuttosto di rafforzarne l’attuazione. Si tratta infatti di una normativa molto forte che ha contribuito alla protezione di fiumi, ruscelli, zone umide, laghi, acque costiere e falde acquifere. Da continuare a difendere – spiega Medici – soprattutto a qualità delle acque dei fiumi e laghi. Il nostro appello è quindi quello di aderire alla campagna #ProtectWater”.
La campagna chiede in particolare la piena attuazione da parte degli Stati Membri dell’Unione Europea e un rafforzamento della sua applicazione da parte della Commissione Europea.

Per le adesioni alla campagna si veda https://www.wwf.it/protectwater.cfm

Grande l’attenzione che Italia Nostra Lazio riserva alla tutela dei laghi e dei corsi d’acqua così come dimostrano le recenti adesioni ai Manifesti di Intenti in vista della sottoscrizione di un Contratto di
Lago per il lago di Bracciano e di un Contratto del lago di Bolsena, del fiume Marta e della costa Tirrenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *