Presentato a Perugia il libro fotografico “Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi” di Alfonso Della Corte

NewTuscia – PERUGIA – E’ stato presentato in anteprima questa mattina, presso la Sala Umberto Pagliacci del palazzo della Provincia di Perugia, il volume “Africa Bianca – Il mio viaggio in Malawi” del fotografo Alfonso Della Corte. Ne hanno parlato con l’autore i giornalisti Gilberto Scalabrini e Benedetta Tintillini, oltre alla testimonianza di Don Alfonso Raimo, Presidente dell’Associazione S.O.S. Infanzia Negata che opera in Malawi.

Il sostanzioso volume di 544 pagine racchiude un corpus di circa 500 fotografie in banco e nero che Alfonso Della Corte ha scattato in occasione dei suoi ripetuti viaggi nel Paese africano, uno dei più poveri del continente, per approfondire la conoscenza sulla condizione delle persone affette con albinismo che, in quella zona dell’Africa, sono più frequenti che altrove.

Gli albini in Africa sono da tempo vittime di una sanguinosa tratta alimentata da credenze diffuse da stregoni che attribuirebbero ai corpi degli albini delle proprietà magiche. Per questo motivo gli albini sono rapiti e sezionati su mandato di persone ricche, che vogliono trarre beneficio dai loro corpi. Gli albini sono anche soggetti a numerosi gravi malattie che aggrediscono la loro fragile epidermide, indifesa verso gli attacchi del cocente sole africano. Melanomi ed altre patologie mortali fanno sì che la vita media di una persona albina in Africa non superi i 30 anni di vita.

Ma non tutto è male e dolore in Africa. Gli eloquenti scatti che Alfonso Della Corte ha realizzato visitando molti villaggi ed ascoltando i racconti dei protagonisti narrano di dolore ed impotenza, ma anche di molto amore compassione e protezione da parte dell’intero villaggio di appartenenza verso i suoi elementi più deboli.

“Africa bianca è un libro che fa riflettere – afferma Scalabrini nel suo intervento – proponendo con realistica crudezza uno spaccato di quella realtà”.

“Posso dire, data la mia decennale esperienza, che in ogni posto del mondo c’è povertà e povertà – aggiunge don Alfonso Raimo – i bambini sono i più poveri, ed i bambini albini, in Africa, sono i più poveri tra i poveri, perché costretti a subire sulla loro pelle le scelte, egoistiche e sconsiderate degli adulti. Un ruolo importante per le condizioni in cui l’Africa versa sono da addebitare, sicuramente, alle politiche internazionali senza scrupoli che hanno sempre sfruttato il continente africano”.

Desidero ringraziare tutte le persone del Malawi – dice Alfonso Della Corte a conclusione della presentazione – che mi hanno accolto ed ospitato, condividendo generosamente con me il loro nulla. Per questo è lontana da me l’intenzione di parlare dell’Africa in modo dispregiativo anzi, più conosco quella terra e più mi sento in dovere, come occidentale, di chiedere scusa”.

Il volume “Africa Bianca – Il mio viaggio in Malawi” ha due scopi principali: il primo è lo scopo divulgativo, nonostante il problema degli albini africani sia cosa nota, esso non è alla ribalta della cronaca ed è quindi un tema sconosciuto al grande pubblico; secondo fine, che è anche il più importante, è quello di impiegare parte del ricavato al fine di organizzare, in Malawi, punti di distribuzione gratuita di presidi medici atti a proteggere la pelle degli albini dall’aggressione del sole ed a curare i problemi cutanei.

La prefazione del libro è a cura del dott. Michelangelo Bartolo, Comunità di Sant’Egidio, Segretario generale GHT (Global Health Telemedicine), la postfazione è della giornalista Benedetta Tintillini.

Alfonso Della Corte, giovane ed affermato fotografo e fotoreporter salernitano, è socio e contributore dell’agenzia fotografica Clickalps. Ormai umbro di adozione, ha rappresentato l’Umbria ad Expo 2015 ed in giro per il mondo, da Toronto a Shangai a Dubai, oltre ad essere stato finalista in alcuni concorsi internazionali e premiato come miglior portfolio Umbria.

E’ stato nei campi profughi e campi rifugiati in vari Paesi di diversi continenti. Nel 2016, ha testimoniato le ferite dell’ultimo terremoto in centro Italia.

Alfonso Della Corte, giovane fotografo salernitano, nel corso dei suoi numerosi viaggi in Malawi ha raccolto una ricca serie di documenti e testimonianze che ha voluto raccogliere in un prezioso volume fotografico dal titolo “Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi”.

Attraversando a piedi e con mezzi di fortuna uno dei paesi più poveri del continente africano, l’autore è entrato in contatto con molte persone del luogo, ha stretto profonde amicizie, ha ascoltato storie e vissuto esperienze generalmente proibite per chi proviene dall’esterno del Paese. Vivendo con la popolazione locale ha potuto constatare come fosse alta la percentuale di persone albine in quella porzione di Africa, albini che, è cosa conosciuta a livello mondiale, sono vittime di una tratta alimentata da feroci credenze che attribuiscono loro poteri magici per i quali vengono rapiti e sezionati.

Alfonso ha voluto capire a fondo quanto e come questo fenomeno fosse vissuto dalla popolazione attraversando villaggi, scattando fotografie, raccogliendo testimonianze a volte molto crude, rischiando addirittura la vita, ma toccando anche con mano con quanto amore e senso di protezione gli sfortunati albini sono protetti e accuditi dai loro cari e da tutto il villaggio di appartenenza, scoprendo un’altra Africa che, come in ogni parte del mondo, ospita il buono e di il cattivo, il male più atroce ed il bene più profondo.

Tutto questo per poter raccontare al di fuori di quei luoghi, attraverso le sue evocative e poetiche immagini in bianco e nero ed i suoi racconti, quale fosse la reale condizione di vita degli albini in Africa, al fine di sensibilizzare l’opinione di chi è nato “nella parte fortunata” del mondo.

Lo scopo della pubblicazione del volume “Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi” non intende fermarsi alla mera funzione divulgativa, ma vuole essere aiuto concreto per gli albini d’Africa che, a causa della carenza di melanina nella loro epidermide, sono maggiormente esposti alle insidie del caldo sole africano.

Parte dei proventi della vendita di “Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi” saranno destinati all’acquisto di presidi medici per alleviare le condizioni degli albini africani che hanno nell’agricoltura la loro unica fonte di sostentamento la quale, al tempo stesso, li espone all’azione aggressiva del sole contro la quale non adottano alcun tipo di protezione. Anche le banali creme e protezioni solari sono infatti rare e molto costose a causa della disastrosa economia malawiana, lasciando i poveri sventurati alla mercé di una serie di gravi malattie, alcune di esse mortali, quali il melanoma.

La prefazione del libro è a cura del dott. Michelangelo Bartolo, Comunità di Sant’Egidio, Segretario generale GHT (Global Health Telemedicine), la postfazione è della giornalista Benedetta Tintillini.

“Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi” è il racconto di un viaggio, testimonianza di vita, reportage giornalistico ed una profonda dichiarazione d’amore per una terra splendida quanto martoriata.

Alfonso Della Corte, giovane ed affermato fotografo e fotoreporter salernitano, è socio e contributore dell’agenzia fotografica Clickalps. Ormai umbro di adozione, ha rappresentato l’Umbria ad Expo 2015 ed in giro per il mondo, da Toronto a Shangai a Dubai, oltre ad essere stato finalista in alcuni concorsi internazionali e premiato come miglior portfolio Umbria.

E’ stato nei campi profughi e campi rifugiati in vari Paesi di diversi continenti. Nel 2016, ha testimoniato le ferite dell’ultimo terremoto in centro Italia.

Titolo: Africa Bianca – Il mio viaggio in Malawi

Autore: Alfonso Della Corte

Luogo e anno di pubblicazione: Perugia, 2019

Editore: Kroma Editrice Srl

Pagine: 544

Prezzo: 38 euro

Contatti:

email: dellacortephoto@gmail.com

sito web: www.alfonsodellacorte.com

pagina Facebook: https://www.facebook.com/dellacortephotoart/

Un pensiero riguardo “Presentato a Perugia il libro fotografico “Africa bianca – Il mio viaggio in Malawi” di Alfonso Della Corte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *