Viterbo, alla biblioteca consorziale la presentazione del libro “Lo sport tradito”

NewTuscia – VITERBO – Vicende note e sconosciute, competizioni truccate, doping, assegnazioni viziate di grandi competizioni, brogli negli scacchi, gare e traguardi in cui non sono stati i più onesti e bravi a tagliare il traguardo per primi: venerdì 8 febbraio, con inizio alle 17,30, la sala di proiezione Roberto Rossellini della biblioteca consorziale, sarà teatro di un incontro in cui si parlerà proprio di queste tematiche.

A raccontarle, Daniele Poto, giornalista e scrittore, che per l’occasione presenterà il suo ultimo libro: “LO SPORT TRADITO – 37 storie in cui non ha vinto il migliore“. Un testo-dossier che vuole accendere i riflettori su fatti che hanno contribuito a scrivere le pagine più negative e cupe della storia di diverse discipline, e che punta ad aprire il dibattito sull’etica dello sport.

Tanti e vari gli argomenti toccati in questa sua opera. Alcuni molto attuali, come il “doping di stato” che ha coinvolto la Russia, altri più datiti, come ad esempio le medaglie legate alle vecchie Germani dell’Est; e alcuni pittoreschi, come quello che racconta la storia di Frederick Lorz, il grande fondista statunitense, che vinse la maratona dell’Olimpiade di Saint Louis utilizzando una macchina guidata da suo allenatore.

Da sempre impegnato sui temi della legalità, Poto ha all’attivo numerosi testi di letteratura e saggistica. Impegnato in Libera – Associazione, nomi e numeri contro le mafie, sugli stessi temi ha pubblicato, tra gli altri, “Le mafie nel pallone (Edizione Gruppo Abele, 2010). Un lavoro assiduo questo portato avanti sulla legalità, che ha prodotto anche “Azzardopoli” e “Italia diseguale“.
Ad accompagnare Poto in questa narrazione, Massimiliano Mascolo, scrittore e giornalista  Rai Sport, autore di molti testi sportivi legati al territorio.

Biblioteca consorziale di Viterbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *