Grancini (FdI): “Strade provinciali colabrodo ma i soldi per il manager ci sono…”

NewTuscia – VITERBO – Il tempo avverso di queste ultime settimane ha riportato, all’ordine del giorno, l’annosa e mai risolta questione della qualità e della sicurezza del nostro tessuto viario.

Non c’è tratto stradale su tutto il territorio della provincia di Viterbo che non abbia necessità di manutenzione.

Buche, lunghi tratti fortemente dissestati su cui rischiano ogni giorno letteralmente la vita tutti coloro che si trovano a percorrerli.

Tessuto viario per la grande parte di competenza della Provincia.

Sappiamo, e so io per primo, che per affrontare il problema con l’obiettivo di risolverlo occorrono risorse e capacità di programmazione che dalle parti della Provincia latitano da tempo.

Risorse che però, magicamente, si trovano per assumere un general manager di cui forse l’ente non avrebbe bisogno e che, di certo, non rappresenta una priorità se non per il Presidente Nocchi e la sua scricchiolante maggioranza avvezza più alla navigazione a vista che al governo del territorio.

Presto si andrà al voto e certamente qualcosa cambierà.

Nell’immediato chiedo, però, al presidente Nocchi di smentirmi e di voler concentrare ogni sforzo su un tema strategico per la crescita di questo territorio.

Sempre che il presidente Nocchi abbia a cuore il territorio che amministra.

Ad oggi non se ne è accorto nessuno.

Gianluca Grancini
Consigliere provinciale  Fratelli d’Italia

2 pensieri riguardo “Grancini (FdI): “Strade provinciali colabrodo ma i soldi per il manager ci sono…”

  • 13 Giugno 2019 in 2:33
    Permalink

    I just want to say I am just beginner to weblog and honestly enjoyed this blog. Most likely I’m want to bookmark your blog . You absolutely come with amazing well written articles. Cheers for revealing your webpage.

    Risposta
  • 17 Giugno 2019 in 22:07
    Permalink

    Vos paragraphe : bon quelques bons propos de désaccord mais je remets en question de la véracité des chiffres supputés ci dessus dans ce premier étude

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *