Risarcimenti alluvione 2012 di Orte, Pd: “Da Giuliani solo inesattezze e approssimazione”

loading...
NewTuscia – ORTE – Cari cittadini, ancora una volta subiamo l’attacco ingiusto di chi ci governa. Angelo Giuliani ci attacca perché lo abbiamo sollecitato sul ritardo (l’ennesimo della sua amministrazione) circa i risarcimenti per l’alluvione del 2012, nelle casse del Comune da giugno per gli imprenditori e da agosto per i privati.
La nostra colpa? Quella di stare sempre dalla parte dei cittadini. C’eravamo nel 2014 quando un’altra amministrazione ha fatto decadere i termini per la presentazione delle domande. Allora, dai banchi dell’opposizione, vi avevamo promesso che avremmo fatto tutto quanto era in nostro potere, per farli riaprire.
C’eravamo a febbraio quando, ancora una volta dai banchi dell’opposizione, abbiamo messo in campo tutti i nostri politici e amministratori, a qualsiasi livello, per far riaprire i termini. Una vera e propria task-force. Non era semplice, ma ci siamo riusciti.
Sono stati riaperti i termini e i fondi sono arrivati nelle casse del comune, l’estate scorsa. Ci siamo oggi, quando venite a dirci di fare qualcosa perché, i fondi non sono stati erogati.
E ci troviamo così nel singolare paradosso in cui un Sindaco, che ha l’onere e l’onore di amministrare e avrebbe solo dovuto ringraziare la minoranza del PD, pensa bene, invece, di attaccare non solo noi, ma anche le istituzioni, nel caso specifico la Provincia, ovvero l’organo che ha erogato gli stanziamenti, non sapendo come giustificare la grave e diffusa inefficienza della sua amministrazione.
Vogliamo ringraziare il Presidente della Provincia di Viterbo, Pietro NOCCHI, che con pacata fermezza ha rispedito al mittente tutte le inesattezze affermate dal Sindaco di Orte.
C’è chi racconta di stare dalla parte dei cittadini e ne fa il suo vuoto slogan elettorale, e chi ci sta concretamente, indipendentemente dal posto che occupa sui banchi del consiglio comunale.
Sindaco GIULIANI, proceda nell’immediato al risarcimento dei cittadini, senza parlare ulteriormente e inutilmente.

Angelo Zeppa
Pd Orte