GemellArte: ricostruiamo uno scambio tra Terni e Saint Ouen

NewTuscia – TERNI – (Ufficio Stampa/Acot). E’ stata presentata questa mattina la prima edizione del festival internazionale indipendente GemellArte che intende rilanciare il gemellaggio tra Terni e Saint Ouen e, più in generale con la Francia, grazie a mostre ed eventi in contemporanea ed a una doppia residenza artistica. La missione degli organizzatori è “creare un ponte fra le città italiane e straniere già gemellate, favorendo lo scambio culturale, la condivisione dell’arte e dei rispettivi patrimoni con la ricerca e la promozione di nuovi talenti, nonché la riscoperta del senso di cittadinanza e dei propri territori, abbattendo tutte le frontiere”.

“Ben venga questa formidabile iniziativa – dichiara il vicesindaco Andrea Giuli in conferenza stampa – che ricostruisce uno scambio tra Terni e Saint Ouen. Non solo di idee, ma concreto: artisti, opere, mostre, residenze, gallerie espositive, comunicazione. GemellArte, può dare un contributo significativo e originale alla voglia di ripartenza della città, con uno sguardo oltre la ‘Conca’ che appare, oggi più che mai, necessario e urgente. Dobbiamo tornare a parlare al Paese e al resto del mondo. L’arte e la creatività possono fare molto in questo senso. Le politiche culturali e quelle turistiche non possono che andare a braccetto.”

“GemellArte – evidenzia l’assessore ai gemellaggi Valeria Alessandrini – mira a rendere lo scambio di residenze tra artisti, un’opportunità creativa in grado di arricchire non solo l’artista ma anche il territorio che lo ospita: l’artista ternano che sarà selezionato porterà con sé un pezzo della sua città a Saint Ouen e viceversa. Stiamo già ragionando su come sviluppare questo progetto con GemellArte scuola per coinvolgere attivamente gli studenti del territorio favorendo gli scambi culturali”.

Il festival punta anche a rinnovare, attraverso la cultura, lo spirito dell’amicizia tra Saint Ouen, a pochi chilometri da Parigi, che è gemellata dal 1962 con la nostra città: ci sarà una residenza artistica ospitata in contemporanea dal Caos – Centro arti opificio Siri e dalla Galerie Mariton (dall’8 al 16 maggio) e coinvolgerà un artista italiano e uno francese selezionati dalle Commissioni di valutazione incaricate nel Paese ospitante, attraverso una call aperta ai talenti dei rispettivi territori nelle categorie pittura, scultura, fotografia, street art, video, installazione e performance.

E’ possibile partecipare al bando per la residenza artistica fino al 10 febbraio. Il requisiti per candidarsi sono: essere artisti emergenti nati/residenti nella città sede del progetto, attivi nelle categorie pittura, scultura, fotografia, street art, video, installazione e performance, purché dotati di un solido background artistico. Per concorrere alla selezione a cura delle Commissioni di valutazione incaricate nel paese ospitante, bisogna inviare un pdf con alcuni dei propri lavori, la propria biografia e la presentazione dell’opera che si intende realizzare nel corso della residenza alla mail candidature@gemellarte.it Gli artisti selezionati verranno avvisati entro il 17 febbraio.

Il festival GemellArte è un progetto creato dalla casa editrice Gn Media e patrocinato dall’Ambasciata francese in Italia, dalla Regione Umbria, dal Comune di Saint Ouen, dal Comune di Terni, dalla Camera di Commercio di Terni, dalla Pro Loco di Marmore e da Confcommercio Umbria – sede territoriale di Terni. In conferenza stampa sono intervenute anche la curatrice dell’iniziativa per Terni, Chiara Ronchini, fondatrice della galleria Crac Arte Contemporanea di Terni e per la Francia, Tiziana Zumbo Vital, storica dell’arte e assessore al patrimonio e alle pari opportunità del Comune di Saint Ouen e Linda Di Pietro, coordinatrice delle attività del Caos- Centro Arti Opificio Siri.