Agricoltura sociale, premiati i tre progetti vincitori dell’ edizione 2018 del bando nazionale di Confagricoltura

NewTuscia – VITERBO – Sono di Viterbo, del Friuli e della Campania i tre progetti vincitori della terza edizione del bando nazionale “Coltiviamo agricoltura sociale”, indetto da Confagricoltura e Onlus Senior-L’Età della Saggezza, con Intesa Sanpaolo e la partecipazione attiva della Rete Fattorie Sociali, in collaborazione con l’Università di Roma Tor Vergata.

I tre vincitori dell’edizione 2018 di “Coltiviamo agricoltura sociale” sono:

Società Cooperativa Sociale Agricola Fruts di Bosc, di Udine, con il progetto “Dal Seme al Lavoro dei Giovani Fuori Classe”. La cooperativa ha per obiettivo il recupero di ragazzi (in particolare minori stranieri non accompagnati) salvandoli dalla povertà e dalla strada e offrendo loro la possibilità di imparare l’arte di coltivare la terra.

Società Agricola A.B.I.M., di Carinola (Caserta) con il progetto “Orticoltura Sociale 4.0”. si tratta di una rete di aziende biologiche che fanno sistema con le realtà territoriali impegnate nel sociale per creare occupazione e fornire un’opportunità a giovani immigrati mediante la formazione di una nuova figura professionale: l’orticoltore sostenibile. Il progetto prevede un percorso di accompagnamento all’acquisizione di competenze e capacità digitali applicate all’agricoltura.

Volta la Terra Società Agricola srl, di Viterbo, con il progetto “SolCare – SOiL and SOciaL CARE” che intende scommettere anche sulla cooperazione per fare agricoltura sociale costruendo una solida rete e collaborazioni stabili con i servizi locali, i consumatori, i giovani e gli anziani. Le aziende coinvolte nella rete agricola sono, oltre a Volta la Terra, l’azienda Marco Sciarpa, il Podere la Branda, l’Azienda Agricola IOB, la Fattoria Cupidi e l’Azienda Agricola Valentini.

La premiazione è avvenuta stamane a Palazzo della Valle a Roma. Ai vincitori vanno 40mila euro per ognuno dei progetti, oltre a tre borse di studio per svolgere il Master di agricoltura sociale all’Università di Tor Vergata.

A consegnare i premi il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, l’onorevole Maria Spena della Commissione Agricoltura della Camera, il direttore commerciale Imprese di Intesa Sanpaolo Lazio Sardegna e Sicilia, Marcello Di Martino, la professoressa Antonella D’Andrea dell’Università di Tor Vergata, insieme a Marco Berardo Di Stefano, presidente della Rete delle Fattorie Sociali.

L’agricoltura sociale è un comparto in forte espansione, parallelo ai cambiamenti in atto in tutta la Penisola, e desta interesse crescente. Lo dimostrano anche i dati relativi alla piattaforma web “Coltiviamo agricoltura sociale”, che ha registrato quasi 2 milioni di visualizzazioni e 250mila accessi, di cui 70mila soltanto nell’ultimo anno.

“Confagricoltura prima di altri ha creduto nelle opportunità dell’agricoltura sociale, – ha ricordato il direttore generale di Confagricoltura Francesco Postorino – lavorando da subito con gli interlocutori e partecipando attivamente ai lavori dell’Osservatorio per la stesura dei decreti attuativi della Legge 141/2015”.

“Fare agricoltura sociale – ha affermato il presidente Giansanti – significa fare innovazione nel welfare, rispondendo prima di altri alle necessità del lavoro quotidiano e della società, prevedendone i cambiamenti. La nostra sfida è far conoscere sempre di più questo comparto, partendo dal nostro motto ‘Coltiviamo l’Italia’, che vuol dire anche dare slancio a questa rete virtuosa di professionalità”.

“Grande soddisfazione per i nostri associati che sono stati premiati” è stata espressa dal Presidente di Confagricoltura Viterbo-Rieti, Giuseppe Ferdinando Chiarini, che ha rilevato “come la costruzione di una rete agricola tra le aziende del viterbese che hanno partecipato al progetto SolCare, abbia contribuito a sviluppare un nuovo modello innovativo di agricoltura sociale.”

Confagricoltura Viterbo – Rieti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *