Ormai non si parla più di disabile ma di SuperAbile

NewTuscia – TARQUINIA – “Non si parla più di disabile ma di SuperAbile”. La 39esima uscita del progetto nato a Bassano Romano, da un’idea del consigliere comunale Alfredo Boldorini, con il supporto di Alessandra Mosci e Fortunata Scarponi e che vede protagonisti le storie personali di Lorenzo Costantini, Chiara Bordi, Marzia Viola, Brunella Roscetti, Chantal Pistelli McClelland (referente del progetto su Pisa e provincia) incassa un altro successo.

Anticipato da un bellissimo servizio televisivo preparato sapientemente da Laura Liguori per un’emittente locale, l’evento, anche in terra etrusca, ha piacevolmente impressionato.

Davanti ai 400 studenti del Vincenzo Cardarelli riuniti in assemblea (gli altri al campo della Corneto per un torneo “Fair play” insieme ai ragazzi della comunità Mondo Nuovo), tra l’altro, ottimamente organizzata dai rappresentanti d’istituto Gabriele Bellini, Giuseppe Cataldi e Valeria De Rosa – presso il cinema Etrusco, messo gentilmente a disposizione da Géròme Bourdezeau, Lorenzo Costantini e Chiara Bordi, hanno ripercorso le tappe delle loro rispettive storie personali, suscitando emozione, coinvolgimento e ammirazione.

Aperto dai saluti della dirigente Laura Piroli – sempre attenta alle politiche inclusive e socialmente educative –  l’incontro ha visto una prima parte introduttiva, snocciolando i numeri del format: 29 tappe effettuate, 3920 studenti interessati, 2500 chilometri percorsi, 43 patrocini di istituzioni pubbliche, private, scolastiche e sportive, con una sede anche a Pisa e provincia, territorio dove risiedono 421mila cittadini potenzialmente interessati al progetto e dove, a gennaio 2019, sono già in calendario due uscite in altrettanti licei.

Poi si è entrati nel vivo dell’evento con il racconto di Chiara e Lorenzo che hanno ripercorso le rispettive tappe delle proprie storie personali. A rendere speciale le due narrazioni, la visione di alcuni video che proiettati sul maxi schermo del multi sala, con un’acustica di riguardo, hanno reso l’incontro unico.

A questo punto è stata la volta di Flavia Alcibiade, giovanissima e bellissima 22enne di Santa Marinella, affetta da sindrome spastica che avendo espresso, giorni fa, il desiderio di assistere ad una tappa di SuperAbile non solo è stata invitata, ma sul posto, le è stato chiesto di intervenire per raccontare la sua storia ed arricchire la giornata di ulteriori spunti.

“E’ un’emozione grandissima per me – ha detto Flavia – poter parlare della mia storia. SuperAbile è veramente un’iniziativa splendida ed essere qui, insieme a voi, con accanto Chiara e Lorenzo, mi riempie di felicità”.

Al termine, come di consueto, spazio alla platea con un momento di riflessione ed approfondimento sul tema dell’inclusione e della forza espressa da Lorenzo e Chiara nel sapere reagire e vincere il destino, apparentemente, beffardo.

“Il messaggio di Chiara e Lorenzo – ha sostenuto Laura Piroli – è universale, a scuola come nella vita è la tenacia e il sacrificarsi per lo scopo che ci proponiamo di raggiungere a dare la dimensione di chi siamo o di chi vogliamo essere. Dobbiamo fare scelte che ottimizzino le nostre capacità.

La scelta di questo tema nell’organizzazione dell’assemblea di istituto – ha aggiunto la preside del Vincenzo Cardarelli – non può che rendermi orgogliosa dei nostri studenti che condividendo i valori della manifestazione hanno dimostrato una grande sensibilità. Ogni opportunità di incontro con realtà nuove ci arricchisce, ma in Superabile non colgo solo opportunità di conoscere, ma anche e soprattutto l’opportunità di “riprendere il tempo”, tempo per riflettere, tempo per analizzare, tempo per riprogrammare il proprio oggi in vista di un progetto di vita più completo”.

“Ringrazio l’istituto Vincenzo Cardarelli – ha detto Alfredo Boldorini -, per aver consentito in un momento complicato a ridosso delle festività natalizie, lo svolgimento di SuperAbile. Un plauso per questo alla dirigente Laura Piroli, agli insegnanti, ai rappresenti Gabriele Bellini, Giuseppe Castaldi e Valeria De Rosa e agli studenti con una nota di merito a Géròme Bordezeau per averci messo a disposizione il cinema, che ha reso la giornata fantastica. Un ringraziamento speciale ai testimonial, in questo caso Lorenzo e Chiara che, come al solito, sono stati eccezionali. Grazie!”

 

Progetto SuperAbile