Al via la ricezione delle domande per i fondi Ebins in favore delle aziende e dei lavoratori

NewTuscia – ROMA – L’EBINS, Ente Bilaterale Nazionale della scuola non statale laica, ha appena pubblicato due bandi per l’assegnazione di fondi da destinare esclusivamente ai lavoratori ed alle Aziende associate. E’ un impegno economico importante ed è un ulteriore aiuto concreto destinato ai lavoratori e alle Imprese del mondo della scuola non statale laica.

Due distinti bandi dedicati ai soli iscritti all’EBINS, per un totale di 470 mila euro già accantonati, da assegnare e in tempi brevi a chi parteciperà”, spiega il presidente Nazionale di ANINSEI e presidente pro-tempore dell’EBINS Luigi Sepiacci, “queste somme rappresentano un segnale concreto verso tutto il mondo della scuola non statale, anche per il campo di applicazione cui si rivolgono tali bandi: in primo luogo la Sicurezza nei luoghi di lavoro”.

“Il primo dei due bandi, per la partecipazione ai quali è già possibile presentare domanda, che assegna una prima trance di contributi per 200 mila euro, è espressamente dedicato alla formazione in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoroIl secondo invece stanzia ulteriori 270 mila euro da destinare, in questo caso, direttamente ai lavoratori”. Lo stanziamento in favore dei lavoratori in particolare, rispetto allo scorso anno è quasi triplicato, a dimostrazione della reale sensibilità dell’Associazione di concerto con L’Ente Bilaterale, in favore dei lavoratori del proprio comparto. “Il termine ultimo per presentare domanda è, inderogabilmente, il prossimo 15 dicembre”. “Affrettatevi tutti quindi”, è la cordiale esortazione del Presidente Sepiacci, “anche perché i fondi verranno consegnati ai lavoratori partecipanti assegnatari, entro il 31 marzo 2019”.

L’EBINS riunisce il sistema delle scuole che applicano il CCNL ANINSEI e le Organizzazioni Sindacali della scuola.

L’Ente Bilaterale è la sede d’incontro e di concertazione per la scuola non statale laica. In particolare L’Ente ha tra i suoi scopi incentivare e promuovere studi e ricerche. Promuovere e progettare iniziative in materia di formazione continua. Inoltre collabora con tutte le Istituzioni. Segue lo sviluppo dei rapporti di lavoro. Promuove forme di previdenza complementare.

E tutto questo ad esclusivo vantaggio del lavoratore e dell’Impresa aderente.

Le Imprese che fanno riferimento al CCNL ANINSEI, ma non sono iscritte e non versano i contributi all’EBINS non possono partecipare ai bandi, ugualmente i loro lavoratori. Dal 1 gennaio 2016 le imprese non aderenti al sistema bilaterale e che non versano il relativo contributo, devono erogare un importo forfettario pari a 25,00 euro mensili per 13 mensilità direttamente in busta paga ai lavoratori come surroga alla bilateralità.

In conclusione per poter partecipare ai due Bandi è necessaria la regolarità contributiva del lavoratore contrattualizzato ANINSEI e l’iscrizione all’EBINS, da parte dell’Azienda. Copia dei bandi è reperibile sul sito www.entebilateralenazionalescuola.it

 

Roma, 30 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *