Separazione del Monterosi da Fabio Gagliardi

loading...

NewTuscia – MONTEROSI – Il Monterosi Fc comunica la separazione consensuale col tecnico della Juniores Nazionali Fabio Gagliardi. A lui vanno i ringraziamenti della società per il lavoro svolto con la speranza di tornare ad avere una collaborazione con un professionista serio e preparato.

Alla base del divorzio non ci sono i risultati ma motivazioni personali dello stesso Fabio Gagliardi che saluta così tutto il mondo Monterosi: “Quando non si riesce a trasmettere qualcosa non è mai una cosa positiva per la crescita del ragazzo che è al centro di ogni cosa. La responsabilità è assolutamente tutta mia ed ho deciso di fare un passo indietro perché mi rendevo conto che non ero più utile al gruppo. Ringrazio tutto il Monterosi a cominciare dal direttore Alessia Tarani fino a tutto lo staff. Mi hanno dato tutti tanta fiducia e trasmesso tantissimo. Ringrazio i ragazzi della juniores per quello che mi hanno insegnato in questi mesi, me lo porterò sempre dietro. Ci tengo a salutare il presidente Luciano Capponi, una persona di grande cultura e passione. Lo definisco un contagioso, perché ti trasmette le idee e la passione per il calcio e per i concetti che esprime”.

Il Monterosi Fc dà il benvenuto a mister Sergio Oliva che oggi pomeriggio guiderà il primo allenamento. Dopo le avventure coi grandi sulle panchine di Ronciglione United e Polisportiva Monti Cimini, il tecnico comincia la sua prima avventura con la Juniores Nazionale: “Entrare a Monterosi mi ha fatto molto piacere. Credo di non esagerare ma Monterosi è una delle società più all’avanguardia del Lazio. Era il primo anno che mi trovavo fuori all’inizio e non è bello. Ho accettato molto volentieri e non vedo l’ora di cominciare. Ritengo che anche questi ragazzi stanno lì per diventare grandi. Ho visto solo una partita contro l’Ostiamare, i ragazzi hanno fatto 60-70 minuti molto bene. C’è materiale e bisogna lavorarci sopra. I ragazzi vanno motivati più dei grandi e cercherò di aiutarli visto che io stesso lo sono ancora più di loro”.