Intervista ad Antonella Hropich, coautrice del libro “Mostri!”

NewTuscia – VITERBO – Incontriamo Antonella Hropich, coautrice del libro “Mostri!”
Ci racconti qualcosa di questo ultimo libro scritto con tua sorella Alessandra?
Risposta: Dopo il successo editoriale del primo libro di mia sorella dal titolo: “Quando il Mostro è il proprio padre!” Ci siamo confrontate sull’ esistenza di tanti altri soggetti malevoli, abbiamo fatto una selezione dei peggiori.
Chi sono i Mostri? 
Risposta: Sono persone che conducono una vita apparentemente normale ma vivono per distruggere tutto ciò che loro non sanno creare. I Mostri sono dei manipolatori che conquistano una grande fetta di consensi prima di infierire sulla vittima. Quando poi la vittima o le vittime denunciano, la risposta collettiva è sempre: “Nooo, non può essere é così una brava persona, mi sembra assurdo che sia arrivato a tanto!” Se fossi io una persona cattiva godrei delle disfatte altrui perché tanta gente si fa raggirare dai Mostri con una ingenuità da paura ma non riesco a gioire e soffro nel vedere quanto i soggetti malevoli distruggano sempre la vita e l’ operato del prossimo. Mentre i Mostri godono enormemente delle disgrazie altrui che spesso provocano loro stessi.
Come vi siete organizzate tu e tua sorella nel raccontare le storie?
Risposta: Io racconto i non pochi Mostri che ho conosciuto sin da piccola, a scuola, poi ovviamente nella vita da adulta. Ho conosciuto il fardello, ho vissuto sulla mia pelle le ingiustizie causate da soggetti senza scrupoli, persone disposte a tutto pur di annientarti e prendere loro i meriti tuoi. I
Mostri sono colleghi, finti amici o conoscenti che conoscono il tuo lato debole e usano quello per distruggerti, queste persone sono ovunque e preparano sempre il terreno per la guerra perché loro sono sempre in guerra ma pubblicamente d
si ergono a paladini della pace.
E le storie che racconta tua sorella? 
Risposta: Mia sorella racconta diversi tipi di Mostri, sia quelli che conosce lei, sia quelli che conosciamo entrambe. È una bella lotta, tra i miei Mostri e i suoi, sono persone tutte spietate, potenziali assassine. Spesso noto la rabbia che dimostra qualcuno quando mia sorella lo maschera, vedo, sento e raccolgo confessioni di vero odio di loro nei suoi confronti. Nessun Mostro vuole essere scoperto perché agisce a tradimento e ti pugnalano alle spalle.

Ci puoi dire qualcosa ancora dei Mostri in genere?
Risposta: Intanto ricordo una citazione che dice: ” Vi è un metodo nella cattiveria delle persone, essa cresce per gradi!”
Mai citazione fu più appropriata, ogni malvagità segue una scaletta. Si parla di escalation di violenza?  Bene, un uomo che colpisce fisicamente una donna, difficilmente sarà un uomo che non l’ ha mai insultata prima. Tutto va avanti, anche la violenza. Questo però lo dimenticano le vittime che non si accorgono subito di essere tali.
Parli di Mostri come di soggetti particolarmente astuti o sbaglio?
Risposta  I Mostri in realtà studiano la vittima, la fanno poi sentire incapace, inadeguata, la isolano dal contesto sociale. Nell’ ambiente lavorativo esiste una discriminazione inaudita, tutta perpretrata sottobosco da colleghi incapaci, in genere sono le persone peggiori, inconpetenti ed esteticamente inguardabili molto spesso, da questi soggetti ci si può aspettare ogni malvagità. Non dimentichiamo mai che i Mostri hanno una straordinaria attitudine ad entrare nelle abitudini del prossimo per poi condizionarlo pesantemente. Soggetti capaci di approfittarsi della vittima ad ogni costo.
Da ultimo, ti chiediamo se ci si può accorgere di avere a che fare con un Mostro.
Si e no. Si, chi analizza gli occhi, il linguaggio del corpo ed alcune frasi sibilline dei Mostri di cui parliamo nel libro. No, se la vittima è una persona superficiale o debole, una persona che passa sopra ad una parolaccaccia, ad un commento di scherno, ad uno schiaffo o ad una frase volgare. I malvagi, per sentirsi migliori, hanno bisogno di sminuire l’ altro.
Una frase che riassume il libro?
 “Il Diavolo ti accarezza l’ anima!”
Per informazioni sul libro di Alessandra ed Antonella Hropich:
https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-generale/mostri-9788827806005.html