Sanità, il paziente deve essere al centro di cure qualificate e rispettose della dignità

Stefano Stefanini

NewTuscia – VITERBO – Abbiamo ricevuto e pubblichiamo volentieri la lettera inviataci dal sig. Antonio Filippi in merito a quanto accaduto presso il presidio ospedaliero di Belcolle.

Costretti a curarsi fuori Regione.

È di questi giorni la pubblicazione del rapporto Meridiano Sanità 2018 realizzato da “ The European House-Ambrosetti” che ha analizzato i sistemi sanitari delle regioni italiane, bocciando di fatto il Lazio che in 4 indici su 5 registra valutazioni inferiori alla media nazionale.
Questo nonostante il grande sforzo finanziario per il ripianamento dei debiti pregressi compiuto dall’Amministrazione Regionale.

Purtroppo Viterbo nel funzionamento del sistema sanitario è sotto anche alla già difficile situazione del Lazio.

L’Ospedale di “Belcolle” forse nel tempo si riuscirà pure a completare, ma se non ci saranno in attività veri cervelli, fior di professionisti con saperi e conoscenze scientifiche acclarate, rischia seriamente di rimanere un contenitore vuoto.

Poco tempo fa ho vissuto direttamente un’esperienza molto negativa a tal proposito che mi ha portato a queste considerazioni.

Un mio famigliare ha subito sulla propria pelle questa scarsa capacità di analisi e di limitate conoscenze scientifiche.

I fatti: dopo diversi giorni di ricovero, accusando fortissimi dolori nella parte lombo-sacrale della colonna vertebrale, tanto che la RMN aveva messo in luce la presenza di ernia discale espulsa, dopo una consulenza del reparto neurochirurgia, le veniva consigliato di intraprendere una semplice terapia con antidolorifici a domicilio.

Visto che il forte dolore non diminuiva, ci siamo rivolti alla neurochirurgia del Policlinico Universitario di Siena, hanno immediatamente effettuato l’intervento chirurgico di rimozione dell’ernia evidenziata (L4 L5) e dimessa dopo due giorni di degenza.

La trasferta fuori regione è costata sacrificio e dispendio economico alla famiglia ma ne è valsa la pena perché è stato risolto il problema di salute.

Tutto questo non è giusto e fa male pensare che la struttura sanitaria del tuo territorio, non è stata in grado di risolvere il problema di salute accusato.

Unica nota positiva da evidenziare è stata aver toccato con mano quanta abnegazione e spirito di sacrificio c’è negli operatori del Pronto Soccorso che, nonostante la vistosa carenza di personale e le ristrettezze di struttura, lavorano senza risparmio per dare la giusta e doverosa assistenza ai pazienti che arrivano da tutto il territorio della Provincia.

Faccio appello alle Organizzazioni Sindacali, alle forze sane del nostro territorio, perché venga aperta

una profonda fase di ricognizione sul funzionamento di “Belcolle”.
È necessario valorizzare e ricercare le vere competenze e porre fine alla politica delle promozioni e degli inserimenti con il solo criterio del grado di genuflessione ai “Cacicchi” e “Mandarini” della politica locale per il loro tornaconto elettorale.
Il diritto alla salute è sancito nella nostra Costituzione e deve essere garantito a tutti senza se e senza ma.

Antonio Filippi Cgil Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *