“Dio sta nei dettagli”. A Gualdo Tadino Luciano Ventrone presenta la sua ultima allieva Tatsiana Naumcic

loading...
NewTuscia – GUALDO TADINO – A Gualdo Tadino un nuovo coup de théâtre per la mostra “Luciano Ventrone. Meraviglia ed estasi“, a cura di Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi, prorogata fino al 6 gennaio. Visto il grande consenso di pubblico e di critica, l’esposizione ospitata presso la chiesa monumentale di San Francesco si amplia e si rinnova. La presentazione ufficiale avverrà sabato 17 novembre alle ore 11.30 presso la sala consiliare del Comune, con il debutto di Tatsiana Naumcic, l’ultima allieva di Luciano Ventrone. Il percorso espositivo si arricchisce di una sezione a lei dedicata con opere scelte dal ciclo “Dio sta nei dettagli”, in cui è possibile ammirare i parallelismi tecnici con il suo maestro, definito da Federico Zeri “il Caravaggio del XX secolo”. Tatsiana Naumcic nasce a Minsk, in Bielorussia, nel 1980, dove si forma nei suoi studi artistici. Oggi vive e lavora a Roma e, dal 2016, dipinge affianco al suo mentore, con una peculiare impronta, in cui dolcezza e amore per la perfezione emergono con forza dalle testimonianze visive.
Per l’occasione, alla presenza del primo cittadino Massimiliano Presciutti e delle autorità comunali, saranno presentati il catalogo di Tatsiana Naumcic e lo speciale libro di didattica “Mangiare con gli occhi! I segreti di frutta, ortaggi e fiori nelle opere d’arte di Gualdo Tadino“, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, edito per i tipi di Carlo Cambi editore, promossi dall’Associazione Archivi Ventrone. Il libro-gioco, ideato e prodotto per bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni, prevede un’originale “caccia alla natura morta” guidata dallo stesso maestro Ventrone, grazie anche alle coinvolgenti illustrazioni di Paolo Marabotto. Si tratta di una vera e propria “indagine” sulla simbologia delle nature morte presenti nelle collezioni museali d’arte del comune umbro, a partire da quella che appare nel famoso capolavoro dell’Albero di Jesse di Matteo da Gualdo, presso la pinacoteca.

Per informazioni è possibile contattare lo 075.9142445 o scrivere ainfo@polomusealegualdotadino.it.

loading...