Viterbese ancora KO: a Matera decide Plasmati. E’ crisi?

di VALENTINO CESARINI

Il Sottili-ter parte male, perché la Viterbese cade anche sul campo del Matera. A decidere la sfida è una rete dell’ultimo arrivato Plasmati ad inizio ripresa.

E la situazione resta difficile, perché in tre gare sono arrivati altrettanti KO. Sicuramente il lungo stop, condito solamente da inutili amichevoli, non ha fatto bene, ma in questi primi 270’ la Viterbese, costruita per ambire ad obiettivi importanti, si è accesa ad intermittenza. La squadra del Presidente Camilli non perdeva tre gare consecutive di campionato dalla stagione 2016/2017, quando con allenatore Cornacchini, i gialloblu fra il 4 e 18 marzo 2017 persero in casa con Giana e Pro Piacenza e poi sul campo del Livorno.

Matera-Viterbese 5
Uno spicchio di stadio del Matera (foto di Christian Lanari)

Il 3-5-2 del Matera non impensierisce la Viterbese di Sottili che opta per il 4-3-1-2, modulo usato da Lopez in questo avvio di stagione. L’unica vera novità è l’avanzamento di Luca Baldassin a supporto delle due punte (Polidori-Saraniti), con Palermo nei tre di centrocampo insieme a Bovo e Damiani, considerate le defezioni di Zerbin, Vandeputte, Cenciarelli e Pacilli. In difesa torna la coppia centrale Sini-Rinaldi, con De Vito e De Giorgi sugli esterni. Al XXI Settembre i gialloblu, regalano un tempo non creando nessun pericolo ma non subendo nemmeno nulla, perché i guanti di Forte rimangono puliti. Ad inizio ripresa ecco però il goal dei locali con un colpo di testa di Plasmati sugli sviluppi di una punizione, che beffa la difesa gialloblu.

A questo punto Sottili inserisce Roberti (Bismark era entrato pochi minuti prima del goal al posto dell’infortunato Polidori) per cercare di ribaltare la situazione, ma sia per la mira poco precisa dei gialloblu, sia per la giornata di grazia del portiere Farroni, che dice di no alle conclusioni di Palermo e Saraniti, la Viterbese non riesce a trovare nemmeno la rete del pareggio, che avrebbe meritato.

Già sabato al Rocchi (ore 18.30) contro la Casertana servirà invertire la rotta, prima di due trasferte insidiose contro Juve Stabia e Vibonese.