La città delle Donne in una mappa collaborativa

NewTuscia – ROMA – Il 24 novembre si terrà a Roma la manifestazione nazionale organizzata da “Non Una di Meno” contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere e contro di DdL Pillon. In occasione di questa importante mobilitazione come collettivo ReTer – Rete e territorio stamperemo e distribuiremo in tutta la città una mappa che porterà alla luce il volto femminista di Roma: luoghi, spazi, strutture in cui le donne e le soggettività LGT*BQI+ sono libere di autodeterminarsi, trovare ascolto e prendere voce. Dai Centri Anti Violenza ai luoghi di cultura, dai consultori ai collettivi femministi, dai servizi socio-sanitari agli sportelli legali e le consultorie: luoghi che vanno moltiplicati e diffusi per tutta la città. Il momento è quanto mai opportuno per una mobilitazione imponente nella capitale. Cerchiamo, in questo modo, di incidere sia sulla società che sulla politica. In un quadro di generale crescente intolleranza da parte dell’uomo europeo bianco contro ogni diversità – etnica, culturale, di genere – si moltiplicano gli episodi di violenza sulle donne e sulle soggettività ritenute non conformi.

Nei giorni scorsi i giornali hanno parlato di “bollettino di guerra” in relazione ai casi di efferata violenza accaduti in poco più di 48 ore: sei donne sequestrate, torturate e uccise nel nostro paese dai propri mariti o ex partner. Delitti che purtroppo confermano i dati sulla violenza contro le donne, che avvengono in primo luogo proprio all’interno delle mura domestiche. Eppure la sproporzione mediatica è eclatante quando a compiere questi atti violenti sono stranieri o migranti, dando spazio a facili strumentalizzazioni sui nostri corpi. Come ribadisce il Piano Femminista Contro la Violenza Maschile sulle Donne e la Violenza di Genere, frutto della scrittura collettiva di migliaia di donne, questa violenza è un fenomeno strutturale e sistemico: non ha passaporto ma solo un genere, quello maschile.

Questi attacchi non arrivano soltanto in ambito familiare e sociale, perché anche la politica, su un piano simbolico e normativo, sta conducendo una sua violenta campagna volta a cancellare spazi e diritti delle donne. È quanto sta accadendo a Roma, paradossalmente ad opera della prima donna sindaco della storia della città: spazi fondamentali di autogoverno e autodeterminazione delle donne sono minacciate di sgombero. Spazi come la Casa Internazionale delle Donne, la Casa delle donne Lucha y Siesta, o centri antiviolenza come Donna L.I.S.A., rischiano di scomparire dalla faccia di una città sempre più povera di relazioni, protezioni, cultura. E in quegli spazi, nei quali da decenni si accumulano competenze ed esperienze straordinarie, le donne svolgono attività di ogni genere, dal mutuo aiuto, alla prevenzione e lotta contro ogni genere di violenza maschile, alla promozione dell’uguaglianza di genere.

È arrivato il momento di dire basta, ed è il caso di farlo innanzitutto il 10 novembre, quando si scenderà in tutte le piazze d’Italia per opporsi al Decreto Pillon, che vorrebbe imporre un modello di famiglia patriarcale e imporre condizioni che rendono il divorzio di fatto impraticabile; è il caso di farlo il 24 novembre, con una grande mobilitazione nazionale a Roma, anche con la difesa e la valorizzazione di quelle esperienze e quegli spazi che conducono questa battaglia ogni giorno nelle nostre città.

Il sito per contribuire alla raccolta fondi per la stampa della mappa: https://www.produzionidalbasso.com/project/la-citta-delle-donne/

La mappa è stata realizzata fin qui dal collettivo “ReTer – Reti e Territorio” in collaborazione con “Scup! Sport e Cultura Popolare”, “Lucha y Siesta”, “Alt! Giornale Partecipato” e lo “Spazio aperto inCorpora”. La città delle donne è ideata per essere una mappa aperta e collaborativa: contribuisci ad ampliare e migliorare la mappatura inviandoci le tue segnalazioni di spazi, gruppi, luoghi d’incontro e attività di donne e per le donne che conosci all’e-mail: info@reter.org o attraverso il ReTerWiki: https://wiki.reter.info/territorio:donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *