Arrone partecipa a Frantoi Aperti: Ecco il programma

NewTuscia – ARRONE – Per la prima volta ci sarà anche Arrone nel cicuito Frantoi Aperti che celebra la sua 21esima edizione. Domenica prossima dalle 9 comincerà una serie di iniziative all’insegna del gusto, della cultura e della natura dell’olio tra Arrone e Casteldilago. Il programma è stato allestito in collaborazione con l’associazione Strada dell’olio DOP Umbria e Camera di Commercio Terni – Terre di San Valentino e Città dell’Olio, oltre che del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio Terni e Narni.

Tra gli appuntamenti gli assaggi, le passeggiate negli uliveti e il trekking alla scoperta dei mulini centenari del borgo di Tripozzo. Fra le attrattive culturali anche la mostra #ChiaveUmbra, al museo della maiollica di Castel di Lago. Si tratta di un progetto d’arte contemporanea diffusa in ambienti poco noti e accessibili dell’Umbria. Il museo della maiolica conserva oggetti rinvenuti in un “butto”, recuperati e catalogati da Timothy Clifford, studioso inglese ed ex direttore della galleria nazionale di Scozia, lui stesso abitante di Casteldilago.

Interviene poi per #chiaveumbra Andrea Abbatangelo, un artista che mixa nel suo lavoro utopia e concretezza donando ad opere strutturalmente pregnanti l’afflato del sogno. Qui presenta un lavoro specificatamente dedicato alla ceramica. Sono tre semplici scatti fotografici che tuttavia lo vedono personalmente impegnato nella produzione di opere in terracotta. Il lavoro è parte della serie Papaver Rhoeas, un progetto del 2016 nato durante la residenza artistica Bridge Art fatta da Abbatangelo a Noto. L’intento era misurarsi e portare l’attenzione sull’impatto della produzione artistica sull’ambiente.

Abbatangelo ha quindi realizzato direttamente tutta la filiera della produzione della terracotta partendo dal recupero dell’argilla naturale nei campi fino alla cottura all’aperto. Questi scatti che potremmo dire d’archivio, in questo contesto restituiscono anche una testimonianza di alcuni processi alla base dei reperti nel museo conservati e tuttavia ci pongono interessanti quesiti sulle pratiche che l’uomo compie grazie, ma anche contro, la natura.

Altro appuntamento da segnalare è il Brunch Tour che in occasione di Amor d’Olio farà tappa anche ad Arrone. Il brunch inizierà alle 12 e 30, accompagnato dal concerto di musica swing con Leoni di Notte. Durante il brunch sarà possibile partecipare ad una degustazione di olio extravergine di oliva guidata dall’esperto assaggiatore Giulio Scatolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *