Unitus. Premio alla Ricerca Accademia Terbienses

NewTuscia – VITERBO – Si è tenuta presso l’aula Magna dell’Università degli Studi della Tuscia la consegna del premio alla ricerca dell'”Accademia Terbienses” di Viterbo.

Alla presenza del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi della Tuscia, del ministro Ariel Bercovich addetto agli affari pubblici dell’ambasciata Israeliana in Italia, dell’Assessore ai Servizi Sociali e Rapporti con l’Università del Comune di Viterbo Antonella Sberna, e numerose autorità militari, il Presidente dell’Accademia Dott. Lanfranco Martinengo, ha consegnato, insieme al Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Viterbo, Nicola Marcucci, il premio alla ricerca al Dipartimento Deim – Gruppo di Ingegneria – professor Stefano Rossi e il premio alla tesi di laurea alla Dott.ssa Francesca Lombardo.
Il ministro israeliano Bercovich, nel suo intervento tenuto in italiano, ha sottolineato quanto – iniziative come questa – siano indice di vitalità della ricerca ed ha ribadito il proficuo rapporto di collaborazione accademica e scientifica tra i due paesi.
La tesi, come introdotto dal Presidente del Corso di laurea in Ingegneria Industriale, Prof. Giuseppe Calabrò, ha trattato l’interessantissimo tema dell’ingegneria applicata al campo medico nella diagnosi precoce della sclerosi multipla grazie all’impiego di sensori inerziali.
La ricerca è in collaborazione con una rete di importanti ospedali italiani ed europei e, come ha più volte affermato il Rettore, testimonia l’importanza dell’interdisciplinarietà della ricerca che si mette a servizio in lodevoli iniziative necessarie per garantire al massimo la qualità della vita delle persone. Tutti i presenti hanno ringraziato l’ateneo e l’accademia che hanno celebrato questo importante momento di incontro e di vicinanza richiamando la massima vicinanza da parte delle istituzioni del territorio su temi che meritano massima attenzione.
Le conclusioni sono state affidate al Direttore del Dipartimento Deim, cui afferisce il corso di Ingegneria, prof. Stefano Ubertini.

Università degli Studenti della Tuscia 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *