Teatro Libreria CAFFEINA, venerdì la quinta presentazione de “Il senso non è fluido” di Erica Polegri

NewTuscia – VITERBO – “Le vacanze estive sono iniziate, l’Università è praticamente deserta. Elia, studentessa di Letteratura francese, dopo aver trascorso qualche ora in Facoltà in compagnia di altri studenti, si rintana nel proprio alloggio. Nella solitaria sala da pranzo della Pensione degli Olmi, annota frettolosamente sul diario la mattinata appena trascorsa e alcuni appunti utili per la tesi a cui sta già lavorando. Ma basta poco per distrarla: la luce del sole e il calore del paesaggio si affacciano teneramente nella sua stanza e la accompagnano in un sognante vagheggiare della mente. Mettendo per un momento da parte la paura del futuro e la costante, maniacale attenzione al cibo e al corpo, la ragazza cerca di rifugiarsi in quelle immagini che sembrano poterla salvare dai suoi tormenti. In un’atmosfera di sospensione e solitudine, Elia sarà travolta dai pensieri più insistenti lungo un viaggio fisico, oltre che mentale. La giovane studentessa attraverserà, non senza timori, luoghi reali e onirici per ridefinire la sua stessa identità.
Un romanzo sognante che racconta le riflessioni, le incertezze e le inquietudini del presente, alle quali la protagonista si abbandona nel tentativo di dare senso e forma al vuoto del tempo.”

Nata a Orvieto (TR) nel 1990, Erica Polegri ha vissuto a Viterbo fino alla fine del liceo, quando si è trasferita a Roma per gli studi universitari. Dopo la laurea in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione ha lavorato in ambito museale in Francia e a Roma. Alla formazione letteraria (francese e inglese) ha sempre unito una forte passione per l’arte visiva: in ambito accademico, ha scritto un saggio sulle incisioni dell’opera onirica quattrocentesca Hypnerotomachia Poliphili. Dal 2017 s’interessa di pratiche teatrali. Ha partecipato come autrice e interprete alla performance “La Bibliothèque” andata in scena alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, con il libro vivente bilingue “Condividere un sogno/Partager un reve”. Attualmente è coinvolta, anche in veste di attrice, nella creazione e produzione di uno spettacolo che andrà in scena a Gennaio 2019, con il supporto del Teatro Potlach di Fara in Sabina (RI), dove da Settembre viene ospitata settimanalmente in residenza.
“Il senso non è fluido”, pubblicato a Roma da L’Erudita (marchio di Giulio Perrone Editore) nel Marzo 2018, è il suo romanzo d’esordio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *