Gondo fa piangere la Viterbese nel derby. Mister Lopez bloccato in conferenza stampa

loading...

di Valentino Cesarini

VITERBO – L’esordio in campionato della Viterbese è da dimenticare al più presto possibile. Proprio cosi, perché nel derby laziale, il Rieti espugna il Rocchi per uno a zero grazie ad una rete dell’ivoriano Gondo a metà primo tempo, e si porta a casa tre punti pesanti. E pensare che il numero 35, in Italia non segnava da quasi tre anni: l’ultimo centro risale al 16 gennaio 2016, quando regalò i tre punti alla Ternana che si impose sul Trapani, mentre l’ultimo goal in gare ufficiali risale ad un anno fa. Era il 19 novembre e l’attaccante, che militava nell’Asteras Tripolis in Serie A greca, siglò il momentaneo 1 a 0 contro il Platanias Chania.

La Viterbese, che comunque ha avuto le occasioni per sbloccare il match e per pareggiarlo, paga la tanta inattività in gare ufficiali e soprattutto nel finale cade nelle provocazioni dei giocatori reatini, che pur di guadagnare secondi preziosi, al minimo contatto restavano a terra, spezzettando il gioco. Ma i gialloblu di Lopez, hanno tutte le carte in regola per recuperare in campionato sin dalla gara di martedì contro la Sicula Leonzio, perché la squadra è stata costruita per far bene.

Un passo falso che ci può stare, certo dispiace perdere un derby, ma come detto sopra, la vergogna del caos ripescaggi e il caso Entella, hanno finito per condizionare la squadra.

Sia Lopez che il portoghese Chéu hanno optato per il 4-3-1-2. Se nel Rieti il trequartista lo ha fatto il giovane e bravo Cericola, nella Viterbese è stato avanzato Simone Palermo, con Damiani, Cenciarelli e Bovo sulla linea mediana.

Proprio da un errato contrasto di Damiani, Cericola è stato bravo a servire Gondo che ha trafitto Forte con un preciso diagonale. E pensare che appena dieci minuti prima, Polidori si era visto ribattere una conclusione velenosa da pochi passi dall’ottimo Chastre. Con un pizzico di cattiveria e di fortuna in più, si poteva assistere ad un’altra partita.

Nell’intervallo nemmeno l’ingresso di Baldassin e successivamente dei tre giocatori offensivi (Pacilli, Zerbin e Bismark), facevano si di arrivare al pareggio, perché Chastre era prodigioso ancora una volta sulla conclusione di Polidori.

Il Rieti sbanca il Rocchi e come se non bastasse, la serata si è conclusa con il tecnico Giovanni Lopez che mentre era in conferenza stampa è stato richiamato dalla società per un colloquio, bloccando l’ intervista post-gara. Che sia già a rischio?

Un applauso al tecnico reatino Chéu, che dopo aver risposto (in inglese, con traduzione dell’addetto stampa) alle domande dei giornalisti, li ha salutati uno ad uno dandogli la mano.

La Viterbese, ha subito l’occasione di rialzare la testa martedì quando al Rocchi arriverà la Sicula Leonzio: serve l’apporto del pubblico per ottenere la prima vittoria.