“Beethoven a Viterbo”, domenica 21 ottobre il quartetto “Alauda” a Palazzo Gallo di Bagnaia

NewTuscia – BAGNAIA – Quarto appuntamento  al festival “I bemolli sono blu” quest’anno dedicato a Ludwig van Beethoven con una serie di concerti di altissimo livello fino al 4 novembre, domani pomeriggio, domenica 21 ottobre, alle 17,30 presso Palazzo Gallo, a Bagnaia, sarà di scena il quartetto d’archi “Alauda” composto da  Cristina Prats-Costa (violino), Milan Berginc (violino) Mari Adachi (viola), Elena Cappelletti (violoncello).

L’Alauda Quartet si è formato alla Royal Academy of Music di Londra nel 2011. Un ensemble internazionale, i componenti del quartetto provengono da quattro diversi angoli dell’Europa ma condividono una unificante passione per la musica da camera e un forte desiderio di esplorare il repertorio del quartetto d’archi. Nel 2012  è stato premiato “Highly Commended” nella Wolfe Wolfinsohn Competition della Royal Academy of Music ed è stato scelto per il prestigioso Davey Poznaski Scheme, che gli ha permesso di partecipare in Masterclass con quartetti di fama mondiale, come Emerson, Belcea, Endellion, Escher e Wihan Quartets.

Il quartetto ha studiato con Jon Thorne, violista del Badke Quartet e ha conseguito un diploma di Master di Musica da camera presso la Hochschule fur Musik, Theater und Medien di Hannover con il professor Oliver Wille, violinista del Kuss Quartet. Si è perfezionato presso l’International Music Seminar in Prussia Cove, l’Accademia Chigiana di Siena e il ProQuartet Cemc, Centre Européen de Musique de Chambre a Pont Royal, Francia.Selezionato come Park Lane Group Artist nel il 2015, l’Alauda Quartet ha debuttato nel 2015 alla Purcell Room, Queen Elizabeth Hall.

Il quartetto è impegnato regolarmente in tournée di concerti in diversi Paesi ed ha registrato per la Radio Nacional de Espana per la serie “Young Artist Concert Platform” e per la Radio Vaticana a Roma. Nel 2016 è stato selezionato per prendere parte al progetto italiano “Le Dimore del Quartetto” ed ha inciso il suo primo disco per l’etichetta Brilliant Classics, una “World Premier Recording” delle musiche per quartetto d’archi dell’autore italiano Roffredo Caetani.

Lunedì 22 ottobre, grande appuntamento nella Chiesa di San Silvestro a piazza del Gesù, sempre alle 17,30. Tornerà a Viterbo il talentuoso pianista Axel Trolese è ormai di casa a Viterbo visto che nel 2017, stesso giorno e stesso mese (22 ottobre), è stato ospite della prima edizione del festival dedicata a Claude Debussy, durante la quale ha eseguito il suo strepitoso concerto nella Sala Alessandro IV di Palazzo dei Papi, ottenendo una standing ovation.

Trolese è nato nel 1997 a Genzano (Roma) e ha iniziato a cinque anni gli studi musicali; attualmente vive a Parigi. Durante il suo percorso formativo ha seguito numerose masterclass e corsi di perfezionamento pianistici. Tra i più recenti riconoscimenti ha vinto nell’ ottobre 2017 il secondo premio ex aequo, con primo premio non assegnato, al concorso pianistico internazionale “Ettore Pozzoli” di Seregno ed è risultato fra i primi dieci talentuosi di tutta Italia, vincitore del Premio Italia Giovane, nel giugno 2017, il 1ºpremio ed il premio del pubblico al concorso pianistico Internazionale “Alain Marinaro”. È vincitore del “Premio Alfredo Casella” al concorso pianistico nazionale “Premio Venezia 2015”. Nel 2016 gli è stato assegnato il “Premio EduMus”, riconoscimento dedicato ai migliori giovani musicisti italiani. Tra le esperienze più rilevanti, i recital all’Istituto di Cultura Italiano a Parigi, al Gran Teatro e alle Sale Apollinee de “La Fenice” di Venezia, all’Ateneo Veneto accolti molto positivamente dalla critica; si è esibito inoltre in altri teatri prestigiosi, dalla Bertarelli Concert Hall, al Verdi di Pordenone, dal Ponchielli di Cremona, al Fazioli Concert Hall di Sacile, dal Festspielhaus di Füssen, alla Sala dei Giganti di Padova, e ancora al Palazzo Ducale di Lucca, al Museo del Violino di Cremona, all’Accademia Musicale Romana, agli auditorii di Roma3Orchestra e Tignes (F), all’EgliseSaint-Marcel di Parigi. Come camerista, sono di notevole spessore, le collaborazioni con il Quartetto di Cremona e il Quartetto Guadagnini, con Maurizio Baglini, Silvia Chiesa, Guido Corti, Aleksandra Lelek, Clément Peigné. Ha suonato il primo Concerto di Chopin con direttori come Jesús Medina e Pasquale Veleno ed il terzo di Beethoven con Gabriele Pezone. Nel 2016 ha registrato il suo primo disco “The late Debussy – Etudes&Epigraphes Antiques” per Movimento Classical. Nel marzo 2017 si è esibito all’Accademia di Francia-Villa Medici in Roma, nell’ambito dell’evento “Trattato d’Artista” per le celebrazioni del 60° anniversario del ‘Trattato di Roma’, trasmesso in diretta radiofonica da Radio France e Rai Radio3. E’ risultato fra i primi dieci talentuosi di tutta Italia, vincitore del Premio Italia Giovane.

 

Festival “I bemolli sono blu” 

VITERBO – dal 18 ottobre al 4 novembre

Direttore artistico: m° Sandro De Palma

www.associazioneclementi.org

e mail: associazioneclementi@gmail.com

Info e prenotazioni: 328 7750233 / 335 6525492 / 338 9487169