All’Istituto Leonardo da Vinci di Acquapendente si impara giocando

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – Il progetto europeo Erasmus+  “Learning to play and playing to learn”  vede le scuole dell’Infanzia e Primaria dell’ Istituto Omnicomprensivo di Acquapendente impegnate già dallo scorso anno scolastico in uno scambio culturale con scuole di 5 nazioni europee: Bulgaria, Grecia, Portogallo, Spagna, Ungheria. L’ Istituto Leonardo da Vinci è la scuola capofila del Progetto e coordina le attività, promuovendo la conoscenza  reciproca e la collaborazione.

Nei mesi passati i bambini sono andati alla scoperta dei giochi della nostra tradizione, si sono cimentati in giochi cantati, giochi di percezione, giochi sensoriali e in giochi di movimento all’aria aperta. In diverse occasioni sono stati coinvolti anche i genitori in questo percorso di scoperta-riscoperta del gioco, inteso come modo di approcciarsi alla realtà e di imparare, e  come fondamentale esigenza dell’infanzia e non solo. Molti giochi sono stati scambiati tra le varie scuole europee coinvolte nel Progetto, sia durante gli incontri internazionali che si sono tenuti tra gli insegnanti, sia attraverso invio di materiali video-fotografici e collegamenti Skype tra gli stessi bambini. Parte del patrimonio ludico condiviso dalle scuole coinvolte è confluito in un e-book (“A European Games Guide Book”) che proprio in questi giorni è stato stampato ed è disponibile sul sito web dell’Istituto www.ioleonardodavinci.gov.it e al seguente link https://read.bookcreator.com/ErOdD5ady7hPgJXEaUHPA1KfTNB3/Nkx8cOL8QtOUUsPGwlhDqw

Le attività del progetto previste per l’anno in corso sono numerose ed interessanti. Si comincia il 18 ottobre con dei workshop sull’importanza del gioco che saranno tenuti da un formatore esperto. In quella giornata verranno coinvolti con attività teorico- pratiche  i bambini al mattino e i genitori il pomeriggio, proprio per approfondire la comprensione del rapporto tra ludicità e apprendimento.

Durante l’anno si porrà poi l’attenzione sul gioco simbolico, la drammatizzazione, i giochi logici e da tavolo.

Gli insegnanti, che si sono incontrati a Budapest dal 1 al 3 ottobre per programmare e definire le attività future, avranno occasione di confrontarsi nuovamente a marzo 2019 a Glyfada (Grecia)durante un meeting di formazione. I bambini continueranno invece a mantenere contatti con i loro amici lontani attraverso invio di materiali, visione del blog del progetto (https//erasmusreadysteadygo.wordpress.com) e videochiamate. La visita degli insegnanti di tutte le nazioni ad Acquapendente e alle nostre scuole nel mese di maggio costituirà un importante momento valutativo del progetto, nonché un’occasione conclusiva festosa senz’altro “ giocosa”.

Adriana Panicali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *