Acquapendente, presentato il defibrillatore per un Comune cardioprotetto

NewTuscia – ACQUAPENDENTE . Il Comune di Acquapendente trasforma una Domenica normale in indimenticabile almeno per le Frazioni di Torre Alfina e Trevinano. Con due fotografie concesseci cortesemente, la consigliera comunale di maggioranza Eva Manzi, ci riassume brevemente quanto avvenuto nella prima : “Abbiamo annunciato”, sottolinea, “che riapre il bosco del Sasseto. Si è finalmente conclusa la procedura di esproprio sia per il bosco che per il giardino storico del castello. Il 19 Settembre, siamo entrati definitivamente in possesso dei beni, il cui contratto è stato registrato e trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari più di un mese prima. Ora si apre la fase della gestione, che oltre all’offerta turistica dovrà comprendere una migliore manutenzione dei luoghi. Per il giardino previsto intervento di restauro”.

A pochi chilometri di distanza, il Sindaco Angelo Ghinassi, l’Assessore all’Ambiente Glauco Clementucci ed il Parroco Don Enrico Castauro presentano il defibrillatore per un Comune cardioprotetto (ampia galleria fotografica tra le quali scegliere la migliore). “Siamo orgogliosi”, sottolinea il primo cittadino, “che in questa stupenda Piazzetta del Monumento ai Caduti possiamo inaugurare il primo defibrillatore installato sul territorio comunale. Ringrazio i consiglieri di Frazione presenti, quelli della locale Pro Loco e la Misericordia di Celle sul Rigo che organizzerà gratuitamente i corsi per il corretto uso dell’attrezzatura. Avremmo così al più presto nuovi cittadini formati che si affiancheranno a quelli che già lo sono in modo da garantire la possibilità di soccorso ad un numero di persone il più ampio possibile. L’acquisto è stato possibile grazie ad iniziative di sottoscrizione volontaria ma anche per il contributo di Banca Tema”.

GIORDANO SUGARONI