Ritrovati resti umani tra località Quercete e Fosso del Biedano a Barbarano Romano

loading...

NewTuscia – BARBARANO ROMANO – Un ricercatore di funghi di Blera ha rinvenuto, durante la sua attività, uno scheletro in fondo ad uno dei tanti dirupi che si trovano tra località Quercete e Fosso del Biedano. E’ vicino al punto in cui, poche ore prima, era stato salvato Federico Franchetti, il 40enne di Barbarano Romano, di professione vigile urbano, che era caduto facendo un volo di 30 metri, per il distacco di una radice. Si è salvato grazie alla vegetazione sottostante che gli ha fatto da cuscino: attualmente è in prognosi riservata al Policlinico Gemelli di Roma.

Sul posto del ritrovamento dello scheletro sono giunti carabinieri ed il medico legale che ha subito fatto i primi rilievi sui resti umani ritrovati. E’ stato aperto un fascicolo da parte della Procura di Viterbo, affidato alla Pm Eliana Dolce.

Sull’identità dello scheletro ritrovato ancora non si hanno notizie chiare: gli inquirenti indagano sui resti rinvenuti senza esclusione di nessuna pista. Bisognerà capire da quanti anni il cadavere giaceva nel punto del ritrovamento e le cause della morte. Possibile le ipotesi del malore, della caduta accidentale in una zone molto impervia e il suicidio.

 

loading...