Monitoraggio dell’aria: a Tarquinia centralina spenta da 1 anno e mezzo

NewTuscia – TARQUINIA – Che aria respiriamo a Tarquinia? Data l’estrema vicinanza a fattori di potenziale impatto ambientale, quali la centrale termoelettrica ed il Porto di Civitavecchia, la domanda appare quanto mai lecita.
Abbiamo al riguardo interpellato Arpa Lazio, l’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, che ci ha fatto sapere come la centralina di monitoraggio dell’aria di Tarquinia sia SPENTA dall’inizio del 2017. Da allora è passato circa un anno e mezzo. Tale centralina non é parte della rete regionale di qualità dell’aria, ma é una di quelle legate alla centrale Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia, ed ARPA Lazio l’ha “ereditata” solo recentemente dal Consorzio per la Gestione dell’Osservatorio.
ARPA ci ha confermato come la centralina  debba essere spostata dal sito in cui si trova attualmente; ad oggi, dunque, è in attesa che il Comune di Tarquinia individui il nuovo sito in cui posizionarla.
Poichè riteniamo che sia fondamentale monitorare lo stato dell’aria che respiriamo, facciamo dunque appello al Comune di Tarquinia affinché velocizzi il più possibile i procedimenti per far riattivare alla nostra cittadinanza la centralina di monitoraggio dell’aria. Siamo certi che il Sindaco saprá finalmente accogliere questa importantissima istanza.
Tarquinia Nel Cuore