Mauro Rotelli: “Bisogna denunciare tutto!”

loading...

NewTuscia – VITERBO – Nella riunione in Prefettura del 24 pomeriggio, la richiesta è arrivata dal Prefetto, dal Questore, dal Comandate dei Carabinieri, dal Comandante della GdF. Servono esposti, denunce, telefonate, segnalazioni per poter agire, per creare i presupposti del DASPO, per farli intervenire, per invertire la rotta.

Riunione operativa e già aggiornata più ristretta a lunedì prossimo, oggi presente una folta rappresentanza di residenti e commercianti della zona Sacrario – San Faustino accompagnati da Paolo Bianchini.

Dopo Pratogiardino va riconquistato un intero quartiere, forse tutto il centro storico ed anche e soprattutto la fiducia verso le istituzioni di chi ci vive e lavora. Tante le proposte operative, turni più lunghi di pattuglia, ottimizzazione delle risorse, impiego dell’esercito. Nel mio intervento ho ricordato e presentato la proposta di Gianluca Grancini e Luigi Maria Buzzi del 2013 con il “Protocollo 1000 Occhi”, in cui Prefettura e Comune sottoscrivono una serie di impegni coinvolgendo nel controllo del territorio anche i privati come gli Istituti di Vigilanza, ho presentato e consegnato la delibera sul DASPO cittadino dell’ottobre 2017 fornitami da Gianmaria Santucci, ho allegato due articoli uno di oggi eccolo di Monza: https://bit.ly/2P4Lh4N chiedendo che fine abbia fatto la Polizia Provinciale e che contributo possa dare al controllo del territorio, il secondo eccolo qua: https://bit.ly/2NdVTO9 in cui l’Amministrazione di Pordenone si dota degli steward cittadini. C’è veramente molto da fare, ma non perdiamoci d’animo.

Mauro Rotelli

Deputato FdI