Sabato 25 agosto la contrada Olivola dedica una serata agli anni ’50

loading...

di Simone Stefanini Conti

NewTuscia – ORTE – Si  svolgerà sabato 25 agosto, all’interno del Chiostro Taverna, promossa  dalla Contrada Olivola la terza edizione di “Olivola fritta… i mitici anni ’50”, che vede gli angoli più suggestivi  nel Centro medievale di Orte come suggestive location di aggregazione e divertimento con la cultura, il turismo ed i prodotti tipici al centro delle attività.  Nella serata a tema è prevista  Musica live in con The Swing Barriques.

Tutto sarà intonato al periodo di rinascita, gli anni ’50,   il decennio del rock ‘n’ roll, dei blue jeans, delle t-shirt, delle pin up e dei pattern a pois; iniziano a comparire i primi bikini e la giacca di pelle diventa un irrinunciabile must have della moda uomo.   Verrà riproposta la magia dell’Italia di oltre mezzo secolo fa, in Piazza Sant’Agostino, ad Orte, tra le macchine d’epoca, le splendide Pin up della Contrada e la musica anni ’50 che faranno da contesto alla manifestazione.   È gradito l’abito a tema  e nel corso della serata sarà premiato l’abito più originale e creativo.  Per tutta la durata della manifestazione saranno a disposizione dei cartocci di fritto misto e birra.

Info  338.58.12.107

L’Ottava di Sant’Egidio, tornerà  come ogni anno tra qualche giorno per offrire agli abitanti ed  ai tanti turisti suggestioni, brani di vita, Valori sempre attuali di aggregazione sociale che qualificano e migliorano la vita della Città.

L’associazione culturale Veramente Orte, curerà  le visite ad Orte sotterranea con un successo inaspettato di pubblico che supera le 10.000 presenze annue,  ed ha programmato interessanti novità per cittadini e turisti appassionati di Orte e del suo territorio, in particolare l’impegno per l’Ufficio Turistico e la promozione e  fruizione dei beni archeologici, naturalistici  e museali della città.

Nelle intenzioni della contrada Olivola  e dellEnte Ottava Medievale, la serata intende fornire a tutti, cittadini e ospiti,   unanticipazione  di ospitalità e di aggregazione per coloro che in settembre parteciperanno  alle rievocazioni medievali.   In questa  nuova stagione di attività  rievocativa va rivolto un  doveroso ringraziamento a quanti prestano e presteranno il loro prezioso contributo  per la migliore riuscita  dell’Ottava 2018.

La manifestazione dimostra la validità dell’intuizione del gruppo di giovani che negli anni Settanta  del Novecento dettero vita all’Ente, nelle sue articolate componenti delle Sette Contrade, degli Arcieri, degli Sbandieratori, del Corteo Storico, dell’Accademia dei Signori Disuniti.

Il ruolo del volontariato culturale, come la programmazione di tanti eventi culturali e rievocativi che caratterizzeranno anche quest’anno l’edizione dell’Ottava di Sant’Egidio, rappresentano comunque  validissimi strumenti di promozione  della città di Orte, e della Tuscia viterbese nel suo complesso.

Ed i “giovani tamburi lontani” che percepiremo in queste  notti d’estate vengono a  rassicurarci  che, nonostante tutto,  le componenti  della comunità cittadina torneranno ad offrire con l’Ottava di Sant’Egidio il meglio di  sé,  attraverso il dipanarsi di  appuntamenti privilegiati di  cultura,  folklore, di gastronomia delle sette taverne di contrada, ma anche i giuochi storici, i mercatini degli antichi mestieri, le giullarate, le performances artistiche di varie compagnie italiane, il teatro, la musica, e le suggestive visite ad Orte Sotterranea.