Educazione alla cittadinanza proposta dei comuni italiani per far crescere nei ragazzi il senso di appartenenza alla comunità

di Simone Stefanini Conti

NewTuscia – Educazione alla cittadinanza proposta dei comuni italiani per far crescere nei ragazzi il senso di appartenenza alla comunità, come base  del vivere civile e solidale.

In attesa della prossima giornata di mobilitazione, che sarà organizzata a settembre, in concomitanza dell’avvio dell’anno scolastico, continuano nei Comuni la raccolta firme e le adesioni per sostenere l’introduzione della materia di educazione alla cittadinanza come materia scolastica, attraverso una legge popolare. L’iniziativa, promossa dal Comune di Firenze con il sostegno dell’Anci, ha avuto il suo momento iniziale lo scorso 14 giugno con il deposito in Corte di Cassazione da parte di una delegazione di sindaci di una proposta di legge.

Da allora sempre più numerose sono state le richieste di informazioni arrivate, anche attraverso i canali social dell’Associazione, da consiglieri, insegnanti o semplici cittadini che hanno apprezzato la finalità della proposta che punta a raccogliere in sei mesi le cinquantamila firme necessarie per il deposito in Parlamento. Tutti possono contribuire al conseguimento dell’obiettivo: raccogliendo firme (su moduli validati) o anche inviando ad Anci una testimonianza video sulle ragioni per firmare.

“La proposta di legge, lanciata dal Comune di Firenze e fatta nostra – spiega il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro – punta a far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità che è la base del vivere civile e solidale. L’ora di educazione alla cittadinanza, oltre a far conoscere i principi costituzionali, investirà su un aumento di consapevolezza rispetto ai beni di tutti e rispetto alle norme comportamentali. Farà capire, cioè, che il comportamento di ciascuno di noi, si tratti di rispettare una panchina o un concittadino, non è indifferente”.

Nelle piazze italiane saranno allestiti banchetti e gazebo per la raccolta delle firme, con eventi, declinati città per città, per coinvolgere quanta più gente possibile: genitori e giovani, chiunque senta il bisogno di contribuire a questa battaglia di civiltà. Sarà distribuito materiale informativo e sarà illustrato l’articolato della proposta di legge.

“L’introduzione dell’educazione alla cittadinanza come materia obbligatoria e con voto, in ogni scuola di ordine e grado – spiega Nardella – è estremamente importante e come sindaco avverto la necessità di intervenire a partire dai banchi di scuola per formare dei buoni cittadini, rispettosi delle istituzioni e delle regole basilari di convivenza, dotati di un grande senso civico e di appartenenza alla comunità in cui vivono. Per noi l’insegnamento dell’educazione alla cittadinanza ha lo stesso valore delle altre materie scolastiche e mi auguro che la stessa rilevanza venga data anche dalle famiglie e dai nostri concittadini in generale. Spero pertanto che siano tanti i cittadini che sottoscriveranno la nostra proposta di legge”. Alcuni intellettuali e artisti hanno già deciso di sostenere la campagna promossa dall’Anci.

3 pensieri riguardo “Educazione alla cittadinanza proposta dei comuni italiani per far crescere nei ragazzi il senso di appartenenza alla comunità

  • 13 Giugno 2019 in 1:34
    Permalink

    I just want to say I am new to weblog and honestly loved your web-site. Probably I’m want to bookmark your website . You certainly come with fantastic writings. With thanks for revealing your blog site.

    Risposta
  • 19 Giugno 2019 in 0:17
    Permalink

    The the next occasion Someone said a blog, I hope who’s doesnt disappoint me approximately this place. After all, It was my substitute for read, but I just thought youd have some thing interesting to convey. All I hear can be a handful of whining about something that you could fix when you werent too busy searching for attention.

    Risposta
  • 19 Giugno 2019 in 19:39
    Permalink

    An interesting discussion might be priced at comment. I do think that you need to write read more about this topic, it might be described as a taboo subject but typically consumers are not enough to communicate on such topics. To another location. Cheers

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *