Inaugurato il “nuovo” Caffè del Bagaglino. La famiglia Vittori vuole riportarlo ai tempi d’oro

NewTuscia – VITERBO – E’ una scommessa, una sfida, un sogno che coinvolge tutta una famiglia: riportare in auge il Caffè del Bagaglino. Lo storico bar situato all’interno del Centro Commerciale Murialdo, aperto nel 1991, ha da pochi giorni inaugurato la nuova gestione della famiglia Vittori. I due figli Alessio , il più grande, e Pierluigi, il più esperto, saranno infatti coadiuvati da papà Doriano e mamma Claudia pronti a “trottare come garzoncelli”, scherza quest’ultima, per riuscire nell’impresa. Al loro fianco ci sarà anche Desiré, moglie di Alessio che, nonostante l’imp egno come mamma di un bimbo piccolo e di un altro in arrivo, darà il suo prezioso contributo sul versante gastronomico.

Non sarà una  passeggiata, ma di frecce in faretra ce ne sono diverse, come spiega Alessio: “E’ un contesto particolare, siamo dentro un centro commerciale, abbiamo a disposizione spazi che altri non hanno, a cominciare da tavoli nell’atrio del centro e soprattutto una terrazza privata all’aperto ad esclusivo uso del bar. Questo posto ha visto crescere tante generazioni, ora punteremo sulla qualità dei prodotti e del nostro servizio per riportarlo ai tempi d’oro. Avremo prodotti locali, ma non solo, comunque saranno prodotti selezionati, formaggi, affettati, carne marinata, pesce affumicato, verdure pastellate e molto altro. Possiamo dire che offriremo un servizio completo con primi piatti caldi, insalate, vasto assortimento di panini sia per pranzo che per l’aperitivo che potrà essere consumato sia al bancone che al tavolo con i nostri taglieri e molto altro”.

Per il momento il locale, a gestione familiare, conterà su tre dipendenti, ma le idee sono chiare e l’obiettivo è uno: “Riportare il bar allo splendore di qualche anno fa, ciò che questo posto merita” dice Alessio con una punta di orgoglio. Ed è pronta a dare il suo apporto anche mamma Claudia: “Pierluigi è il più valido, ad Alessio invece manca l’esperienza, ma è appassionato e gli basta uno sguardo per incamerare ed apprendere. Io e mio marito ci mettiamo a disposizione per far tornare il bar in auge, d’altra parte parliamo di un caffè storico, un posto d’elite, che ha tutte le carte in regola per tornare ai tempi d’oro. Ora avremo bisogno di un po’ di tempo di assestamento perché un conto è essere una famiglia, anche se unita, un’altra cosa è lavorare come una famiglia”.

A piccoli passi, dunque, senza fretta, ma con un sogno ben chiaro in testa. E a giudicare da quanto visto nella giornata d’inaugurazione la strada intrapresa è quella giusta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *