Summer School 2018, proseguono le attività con successo

NewTuscia – VITERBO – Proseguono con intensità le giornate della Summer School 2018 organizzata dall’Associazione Italiana Sindrome X Fragile ONLUS. Mercoledì 11 luglio si è tenuto presso il polo didattico della Facoltà di Agraria una presentazione a cura del Professore Andrea Canevaro, uno studioso di prestigio internazionale, considerato il padre della pedagogia speciale in Italia ed impegnato fin dagli anni ’70 nella piena inclusione sociale di persone con fragilità.

Nella giornata di martedì, invece, la Prof.ssa Alessandra Murgia ha presentato “La diagnosi della sindrome X Fragile. Fenotipo maschile e femminile”, un evento tenutosi presso la Cittadella della Salute di fronte ad un pubblico di famiglie, tecnici del settore e operatori del sociale. L’incontro è stato inaugurato dal Direttore Sanitario Antonella Proietti, dal neo Assessore ai Servizi Sociali Antonella Sberna e dai Consiglieri Comunali Chiara Frontini e Matteo Achilli.

E mentre gli adulti sono impegnati in questi incontri, continuano le attività per i bambini, ragazzi e giovani adulti con sindrome X Fragile: laboratori all’orto botanico per i bambini dai 3 ai 9 anni, giochi al centro estivo per ragazzi dai 10 ai 14 anni e corsi dedicati ai giovani adulti, trai quali “film maker” coordinato dal regista Fabrizio Varesco.

Il patrocinio del Comune di Viterbo, della Asl, dell’università della Tuscia, della Fondazione Carivit che ha anche erogato un contributo per la realizzazione dell’iniziativa, ci incoraggiano nel capire che la comunità educante già c’è. La Summer School non è un punto di arrivo, ma una proposta di rilancio di attività di inclusione sociale, scolastica e lavorativa per le persone con la sindrome X Fragile. Da qui parte una conoscenza più approfondita delle persone, per poi accompagnarle e progettare con loro il percorso verso l’identità.

Associazione Sindrome X Fragile Onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *