Viterbo, Lavoro e Beni Comuni festeggia la rivoluzione della dignità

NewTuscia – VITERBO – Abbiamo scelto di utilizzare una frase di Stefano Rodotà per festeggiare la nostra lista, e presentarla a tutti i viterbesi. La “rivoluzione della dignità”: un pensiero giuridico che rifiuta la subordinazione dei diritti al mercato, e che fonda l’interesse pubblico sul soddisfacimento dei bisogni dei cittadini. Ecco il senso della nostra proposta per la città di Viterbo: puntare sul lavoro e sui beni comuni.

Giovedì 25 maggio, nella bellissima cornice di Piazza del Gesù, dalle 20,45 a seguire discuteremo i temi dei diritti, delle culture e della solidarietà, con la candidata a sindaco Paola Celletti e altri candidati al consiglio comunale, e con la partecipazione festosa di artisti di calibro: dal teatro di Pietro Benedetti al sax di Pierpaolo Iacopini, dalle musiche della tradizione di Fiore Benigni, Fabio Porroni e Antonio Tonietti, fino al combat-folk del cantautore romano Enrico Capuano.

Lavoro e Beni Comuni