Pugnaloni 2018, la classifica completa e il verdetto della Giuria

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – Domenica 20 maggio 2018, alle ore 15.45, presso la Sala del Consiglio del Comune di Acquapendente si è riunita la commissione giudicatrice del concorso dei Pugnaloni.  L’edizione dei Pugnaloni di quest’anno ci ha riservato una classifica non scontata, con emozioni e sorprese che hanno visto il trionfo del gruppo Rugarella, vincitore del titolo di “più bel Pugnalone 2018” grazie al bozzetto di Luca Lombardelli. Il gruppo è stato fondato nel 1990 con il nome di Gruppo Ribelli Aquesiani, poi modificato in “Rugarella” in onore della omonima via situata nel centro storico di Acquapendente.

La Commissione è così composta: Dott. Enzo Maioli, Esperto in Botanica, con funzione di Presidente; Dott. Giordano Simonelli, docente e giudice internazionale di Arte Floreale; Dott. Andrea Di Consoli, scrittore, giornalista di carta stampata e autore televisivo; Sig.ra Porbjorg Sandholt, pittrice; Sig.ra Hidur Biork Porsteinsdottir, critico d’arte; Dott. Enrico Alessandro Rossi, fotografo e giornalista; Arch. Giuseppe Staro, architetto esperto in paesaggistica, già funzionario MIBACT.

La giuria ha espresso un verdetto complessivo sulle opere, tenendo conto di vari aspetti, come la tecnica, la realizzazione, il significato e l’imapatto visivo. E’ stato quindi emesso un giudizio sulla qualità dei quadri in gara, ottenendo così la seguente classifica:

  • RUGARELLA (133 punti)
  • Gli autori riescono attraverso il colore e i piani di rappresentazione falsati a creare una tridimensionalità dell’opera che coinvolge lo spettatore con un’incisiva immagine di libertà.
  • 6+6 – SANTO SEPOLCRO (127 punti)
  • Notevole capacità di utilizzo di tecniche e materiali che riescono a produrre un’opera nella quale la metafora è perfettamente riuscita.
  • GSA – SANT’ANNA (125 punti)
  • Grande proprietà di linguaggio grafico pittorico, tradotto con una tecnica originale a più livelli interpretativi.
  • SELEÇAO – CORTE VECCHIA (117 punti)
  • Un lavoro che riesce a mettere in equilibro una feroce realtà con un’immagine onirica. I colori usati creano un effetto come di leggerezza onirica.
  • COSTA SAN PIETRO (115 punti)
  • Lavoro dal forte impatto emotivo, tradotto in una composizione intensa e dai toni caldi. Un lavoro importante, ma proiettato verso il futuro.
  • PRIMA EQUIPE TORRE SAN MARCO (114 punti)
  • Composizione equilibrata, sia come impostazione grafica che pittorica e coreografica. Notevoli le spine del serpente che riproducono le linee delle piante.
  • CENTRO – PORTA DELLA RIPA (110 punti)
  • BLU COBALTO – VIA FRANCIGENA (105 punti)
  • NUOVA TORRE – TORRE G. DE JACOPO (100 punti)
  • 10° BARBAROSSA (98 punti)
  • 11° PRIMA EQUIPE VIA DEL FIORE (95 punti)
  • 12° SAS – CORNIOLO (94 punti)
  • 13° GNS – VIA DEL CARMINE (88 punti)
  • 14° COMB – PORTA ROMANA (84 punti)
  • 15° ACQUAVIVA (83 punti)