Orte, sabato incontro in libreria con Claudio Metallo per la presentazione di “Vangelo di malavita”

di Simone Stefanini Conti

NewTuscia – ORTE – Sabato 19 maggio alle ore 18 torna presso la libreria Il Gorilla e l’Alligatore di Orte Borgo San Lorenzo Petignano lo scrittore e documentarista calabrese Claudio Metallo per incontrare i lettori e parlare del suo romanzo Vangelo di malavita, edito da CasaSirio. Un anno fa Claudio incontro’ i ragazzi delle scuole superiori di Orte per parlare loro di legalita’ e si fece portavoce di una “Calabria che resiste”. Sabato ritorna in libreria per un incontro dedicato al suo romanzo e al tema della criminalità organizzata: come si e’ trasformata la ‘Ndrangheta, le influenze e le relazioni con il mondo politico e con l’alta finanza, la sua internazionalizzazione. Claudio Metallo si occupa da anni di questi temi e utilizza lo strumento del romanzo per arrivare meglio al grande pubblico.

Claudio Metallo è nato a Campora S.G. (CS). Ha lavorato per Al Jazeera documentary, Al Jazeera Children Channel ed ha collaborato alla prima serie della trasmissione di Raitre “Presa Diretta” di Riccardo Iacona. Ha realizzato più di trenta video tra cortometraggi e documentari. Collabora con la telestreet di Bologna, Teleimmagini. Collabora con varie riviste, tra cui Cultura Calabrese, Terre Libere e La voce delle voci. E` autore dei documentari Fratelli di Tav (2008), vincitore di numerosi premi, di Paisà-storie di migranti in Campania (2009) e ‘Un pagamu-la tassa sulla paura (2011) vincitore del Film festival di Ghedi e del Val Bormida Film Festival. Il documentario ha ricevuto anche la Menzione speciale al Trani Film Festival.

Nel 2012 ha scritto, diretto e montato L’avvelenata cronaca di una deriva sulla questione delle navi dei veleni e nel 2013 Joggi Avant Folk:15 anni suonati. Nel 2013 gli viene assegnato il premio Gialuca Congiusta con questa motivazione: per l’impegno mostrato nel raccontare la Calabria positiva, la Calabria che resiste. Nel 2014 ha pubblicato il mio primo romanzo ‘Come una foglia al vento-cocaine bugs’.

Ci anticipa Stefania Cima, proprietaria e animatrice della libreria di Orte: Vangelo di malavita racconta la storia di due giovani, Angelo e Ignazio. Sono nati nello stesso posto. Sono coetanei. Tutti e due strizzano l’occhio alla malavita. Uno è figlio dell’avvocato più noto del paese, l’altro della marmaglia che gravita attorno al capobastone.

Ignazio esegue gli ordini. Certe volte spara, altre taglieggia, ogni tanto gli capita pure di salire al Nord e lasciare qualche morto per terra. L’errore però è dietro l’angolo. E il carcere non è certo il posto migliore per un picciotto che ha sbagliato.

Angelo ha tutto. Un padre potente, una carriera politica avviata, un sacco di soldi e un paio di morti alle spalle.   Angelo però vuole di più, vuole Roma. E sa come arrivarci.

Questa la recensione del Fatto quotidiano «Uno stile brioso, che sposa mirabilmente lingua italiana e dialetto calabrese»