Quando Viterbo esporta la cultura

NewTuscia – VITERBO – Mercoledì 15 maggio 2018: gemellaggio poetico tra Viterbo e Roma. Al  Centro di documentazione europea “Altiero Spinelli”, presso l’Università “La Sapienza” di Roma, alla poetessa viterbese Anna Maria Stefanini è andato il 2° premio (in ex-aequo con altre due autrici) per la poesia “Notte romana”, nell’ambito dell’ evento nazionale “LE ROSSE PERGAMENE DEL NUOVO UMANESIMO” dedicato alla poesia d’amore .  Quest’anno il tema era Amare Roma/ Amore a Roma. 

“Nulla so di questa notte romana / del nero che già ammanta di stelle fontana di Trevi…”; questo l’incipit della poesia che ha convinto la giuria, presieduta dal poeta e saggista di caratura internazionale Corrado Calabrò e di cui fanno  parte importanti figure della scrittura creativa romana e italiana come Neria De Giovanni, Presidente Internazionale dei critici letterari,  Daniela Fabrizi, Iole Chessa Olivares, Fabia Baldi, Antonella Pagano, Anita Tiziana Laura Napolitano è Tiziana Marini. Presenti alla manifestazione  illustri letterati ed artisti.  La poesia al femminile esibisce sorprendenti sfumature ironiche e colorate; l’intera premiazione è apparsa un imprevedibile e vivace gioco a soggetto dove le autrici hanno raccontato e recitato le loro opere (talvolta con l’aiuto di attrici e di artifici narrativi) ma anche svelato se stesse. Gli uomini presenti riferiscono che sentir parlare una poetessa è non meno piacevole che leggerne le opere. Probabilmente è questo un non secondario effetto collaterale del modo di intendere i luoghi poetici di Anna Manna, fondatrice ed eccellente animatrice dell’ evento “ Le rosse pergamene”: fare, parlare e giocare con la poesia d’amore. 

Dettaglio importante: ad Anna Maria Stefanini, oltre le congratulazioni e gli applausi del pubblico, sono state rivolte molte domande su Viterbo. L’amore e la poesia uniscono Roma alla Città dei Papi. La poesia si fa pane; si fa luna, sotto il cielo amico di Roma. L’amore si fa poesia, grazie ad Anna Maria Stefanini. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *