Visite gratuite e informazioni a Belcolle per la Giornata mondiale dell’asma

NewTuscia – VITERBO – Come ogni anno, nel mese di maggio si celebra la Giornata mondiale dell’asma. Il tema scelto quest’anno è “Never too early, never too late”, non è mai troppo presto, non è mai troppo tardi: è sempre il momento giusto per affrontare le malattie respiratorie. La manifestazione punta in particolare l’attenzione alla sensibilizzazione e all’educazione dei giovani su una malattia sociale che colpisce 3 milioni di soggetti in Italia.

Federasma e allergie onlus, la Federazione italiana pazienti asmatici e Associazione laziale asma e malattie allergiche, Alama, ad essa aderente che la rappresenta nella regione Lazio, hanno organizzato in quattro città del Lazio gli eventi “Porte Aperte”. Dopo gli appuntamenti di Colleferro, Roma e Rieti, giovedì 17 maggio la manifestazione farà tappa a Viterbo.

Nello specifico, dalle ore 10 alle 13, nella hall dell’ospedale Belcolle, i volontari Alama/Federasma e Allergie Onlus saranno presenti con un desk per fornire informazioni e per distribuire materiale divulgativo. “Accedendo al desk -commenta la presidente di Alama, Sandra Frateiacci – i cittadini si potranno prenotare, sempre nella giornata del 17 maggio, la visita medica e gli esami presso l’ambulatorio di Pneumologia, al secondo piano dell’ospedale viterbese Belcolle”.

Il personale medico e infermieristico della unità operativa Bpco e Malattie respiratorie croniche, diretta da Patrizia Scavalli, collaborerà alla realizzazione dell’evento attraverso un’attività di sensibilizzazione e informazione ed effettuando delle visite, spirometrie e test gratuiti. Hanno aderito all’iniziativa anche i pediatri pneumologi ed allergologi della unità operativa di Pediatria di Belcolle, diretta da Massimo Palumbo.

L’asma, come noto, infatti colpisce molti bambini e adolescenti – spiega Patrizia Scavalli – e può comparire già nei primi mesi di vita. Le allergie e il fumo passivo sono fra i principali fattori scatenanti. In generale, ritengo che sia decisamente utile realizzare anche nella nostra provincia una giornata dedicata alla conoscenza delle problematiche legate all’asma, alle misure di prevenzione ambientali e comportamentali da adottare e alle modalità di gestione e controllo della malattia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *