Gli studenti di Orte e Soriano nel Cimino a Bruxelles con il progetto RiSE

NewTuscia – ORTE, SORIANO NEL CIMINO – Studenti italiani, ciprioti, cechi e polacchi. Giovani, giovanissimi, 12 e 13 anni. Cittadini europei che si sono ritrovati in Belgio, a Bruxelles, capitale dell’Europa Unita, dal 2 al 7 maggio scorsi per l’ultima mobilità del progetto RiSE – Rights, Students, Europe!, l’Erasmus+ del 2016 che ha visto l’Istituto Omnicomprensivo Orte (capofila) e l’Istituto Comprensivo Ernesto Monaci di Soriano nel Cimino partecipare in collaborazione con analoghe scuole di Polonia, Cipro e Repubblica Ceca, ad un progetto tutto incentrato sulla conoscenza dei diritti e i doveri del moderno studente europeo, le possibilità di istruzione e svago a lui destinate, i comportamenti virtuosi, le difficoltà linguistiche e culturali da superare, la collaborazione tra scuole, studenti, insegnanti e famiglie ai fini dello studio e della crescita individuale e collettiva, sotto il cielo di un’Europa più giusta e coesa, pronta a rispondere ai bisogni dei cittadini, in un clima di pace e collaborazione.

Gli studenti, 7/8 per ogni scuola, oltre 35 in totale, hanno vissuto un’esperienza incredibile che li ha portati all’interno del Parlamento Europeo, ospiti dell’europarlamentare Goffredo Bettini, a presentare i loro lavori presso lo spazio espositivo della buvette nello stesso piano di accesso all’emiciclo dell’Europarlamento, davanti agli sguardi interessati e stupiti dei 750 eurodeputati di tutta Europa che proprio il 3 maggio scorso erano riuniti in seduta plenaria.

Oltre 30 canvas con frasi in tutte le lingue europee a favore della pace e dell’inclusione, video e immagini in realtà aumentata della “proiezione digitale” del perfetto cittadino europeo, una performance dal vivo della canzone “We like Europe” cantata in cinque lingue, parafrasando una melodia di Ligabue. Una esibizione a tutto tondo in cui il progetto RiSE ha ottenuto la meritata visibilità in chiave Europea, con le docenti di tutte le scuole del partenariato impegnate a coinvolgere i MEP del proprio Paese, a rilasciare interviste ai mass media europei e a stimolare ogni studente a dare il meglio di sé, usando la lingua inglese, raccontando la propria visione dell’Europa.

Molti gli ospiti della esibizione, per l’Italia da Cofferati alla Gardini, da Cesa alla Mussolini passando per Lavia, Cirio e l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini. Un cenno di nota per l’onorevole Caterina Chinnici che ha raccontato agli studenti della discussione avvenuta in mattinata e relativa proprio ad una sua mozione sulla protezione dei minori migranti.

Il tour è poi continuato con una visita del Parlamento, accompagnati dalla segreteria di Bettini e a numerosi altri luoghi della cultura europea, La Casa della Storia Europea, il Parlamentarium, la Casa di Erasmo da Rotterdam, nel giardino della quale i ragazzi hanno registrato video per raccontare in inglese l’esperienza del progetto RiSE lunga ormai due anni.

Non sono mancate la visite alle bellezze di Bruxelles, approfittando peraltro di giornate calde e serene che raramente si vivono nella capitale belga.

La Grande Place, il Palazzo Reale, la cattedrale di Saint Michel, le Beguinage, una fabbrica di cioccolato, i meravigliosi giardini Parc de Bruxelles e Leopold, la stazione metro di Maelbeek, luogo dell’efferato attacco terroristico del 2016.

“Un’esperienza di grande qualità – ha dichiarato la dirigente dell’Istituto Ernesto Monaci di Soriano nel Cimino Emilia Conti – per ragazzi e docenti che hanno potuto apprezzare la capitale d’Europa e vedere i luoghi dove si scrivono le regole della nostra Unione Europea. Un grande momento di crescita per i nostri studenti, per alcuni il primo viaggio all’estero, il primo momento senza la famiglia, ma con i docenti e con i pari età provenienti da altre realtà europee, diverse per cultura e lingua, tutti comunque stretti dalla comune convinzione che solo un’Europa unita può dare futuro e prospettiva alle giovani generazioni”.

“RiSE è stato il progetto Erasmus+ che la nostra scuola ha predisposto e poi vinto per gli studenti della secondaria di primo grado” – ha dichiarato la dirigente dell’Istituto Omnicomprensivo di Orte, Fiorella Crocoli. “Una scommessa che ci ha visto vincitori perché la scuola deve avvicinare generazioni sempre più giovani allo studio delle tematiche locali in chiave europea, attraverso la lingua inglese, la cooperazione tra le istituzioni e gli studenti, lo scambio in famiglia, la crescita che solo il confronto di idee, culture, usi, valori e regole diverse può dare”.

“Un ringraziamento – hanno concluso unanimemente le due dirigenti – va alle insegnanti degli staff del progetto RiSE le insegnanti Liuzzi e Bucalossi per Orte e Monacelli e Sanna per Soriano nel Cimino, che si sono sobbarcate fatica e responsabilità pur di concedere ai nostri studenti un momento educativo di grande qualità”.

 

 

Un pensiero riguardo “Gli studenti di Orte e Soriano nel Cimino a Bruxelles con il progetto RiSE

  • 13 Giugno 2019 in 7:41
    Permalink

    I just want to mention I’m newbie to blogging and site-building and honestly liked this web page. Very likely I’m likely to bookmark your site . You absolutely have impressive articles. Thanks for sharing with us your web site.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *