Alessandria cinico: suo il primo round della finale di Coppa Italia di Lega Pro

loading...

Maurizio Fiorani

NewTuscia – VITERBO – Un’Alessandria cinico sbanca il Rocchi di Viterbo con una rete di Marconi nel finale del primo tempo aggiudicandosi la prima finale d’andata della Coppa Italia di Lega Pro. I gialloblù hanno giocato una buona partita ma hanno pagato a caro prezzo le troppe assenze, specie in attacco dove l’assenza di Jefferson e di Baldassin a centrocampo hanno pesato molto. Sullo 0-0 i gialloblù hanno colpito una traversa con Sini su calcio di punizione.
La squadra di Mr. Sottili può recriminare per la mancata concessione di un calcio di rigore per fallo su Bismark, episodio avvenuto nella ripresa. La direzione arbitrale del signor Amabile di Vicenza non ha certo soddisfatto molto il pubblico di fede gialloblù, che ha protestato per alcuni episodi e decisioni arbitrali che hanno penalizzato la formazione di Mr.Sottili. Ora si spera nella gara di ritorno di poter recuperare e mettere in campo sia Jefferson che Baldassin, assenze che si sono rivelate troppe pesanti per la compagine gialloblù

Passiamo alle formazioni che sono scese in campo al Rocchi:

VITERBESE-CASTRENSE: Iannarilli, Peverelli, Celiento, Rinaldi, Bismark, Vandeputte, Sini, Calderini, DiPaolonatonio, De Vito, Benedetti
A disposizione di Mr.Stefano Sottili: Micheli, Cenciarelli, De Sousa, Mendez, Mbaye, Bizzotto, Zenuni, Sane’, Pandolfi, Atanasov, Mosti

ALESSANDRIA: Vannucchi, Celjak, Sestu, Nicco, Marconi,Piccolo,Giosa, Gonzales, Gazzi, Gatto, Barlocco.
A disposizione di Mr. Marco Marcolini: Pop Ionut, Lovric, Ranieri, Sciacca, Fischnaller, Gjura, Usel,Bellazzini, Ragni,Chinellato, Ahmed Kadi, Giubilato

Arbitro: Signor Daniel Amabile di Vicenza
Assistenti: Signori Lorenzo Biasini e Luca Bianchini entrambi di Cesena

Note: serata umida e molto piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori presenti 2000 circacon folta presenza di tifosi ospiti in curva sud.

 

CRONACA DEL PRIMO TEMPO

Al 2° cross di De Vito dalla fascia sinistra, il portiere dell’Alessandria Vannucchi abbranca il pallone e lo fa suo.
Al 3° brutto fallo di Celjak su Vandeputte, l’arbitro concede la punizione ma non ammonisce il giocatore piemontese.
Al 4° cross di Barlocco dalla fascia sinistra parato dal portiere gialloblù.
Al 6° azione di Calderini che calcia in porta, il suo tiro è deviato in corner: azione senza esito perché la difesa allontana la minaccia.
Al 7° corner per i piemontesi: batte Gonzales, pallone scodellato in area viterbese ma la difesa gialloblù libera mandando il pallone in fallo laterale.
Al 9° tiro di Marconi dalla distanza per gli ospiti che si perde a lato.
All’11° Gonzales tira in area ma la sua conclusione viene rimpallata da un difensore gialloblù che libera, poi l’azione viene interrotta per una segnalazione di fuorigioco.
Al 13° l’attaccante dell’Alessandria Gonzales parte in velocità in contropiede e si invola verso l’ area gialloblù ma viene fermato da una segnalazione di offside da parte del guardalinee posizionato sotto la tribuna centrale.
Al 15° perde palla Di Paoloantonio, ne approfitta subito la formazione ospite che parte in contropiede con Gonzales che si invola verso l’area della Viterbese, per fortuna ci pensa il difensore centrale gialloblù Sini che anticipa l’argentino dell’Alessandria sventando una pericolosa ripartenza ospite.
Al 16° corner per i gialloblù, la difesa dei padroni di casa libera, il pallone giunge sui piedi di Vandeputte che viene atterrato vicino al lato sinistro del’area di rigore ospite; della battuta della punizione si incarico lo stesso  Vandeputte che mette al centro area un cross teso respinto di testa da un difensore dell’Alessandria, poi la difesa piemontese perfeziona il disimpegno difensivo.
Al 23° tiro di Gonzales per i piemontesi che viene respinto dal terzino gialloblù Peverelli.
Al 25° pericoloso tirocross di Barlocco parato dal portiere Iannarilli della Viterbese.
Al 27° punizione per la Viterbese dal vertice destro dell’area ospite: si incarica Sini che con un gran tiro colpisce la traversa, il portiere dell’Alessandria Vannucchi manda poi in corner. Dalla bandierina pallone viene messo in mezzo all’area ospite, la palla danza nei pressi dell’area piccola di rigore, gli attaccanti gialloblù si ostacolano tra loro, la difesa piemontese libera con molto affanno, sbrogliando così una situazione molto pericolosa.
Al 29° tiro di Gonzales dalla distanza parato dal portiere della Viterbese Iannarilli.
Al 30° punizione di Gonzales dai 30 metri che sibila di pochissimo dal palo destro della porta gialloblù.
In precedenza, nel corso delle operazioni per il posizionamento della barriera, Peverelli aveva preso una gomitata in faccia: l’arbitro lascia però correre tra le proteste e si accende una mischia tra i giocatori delle due squadre.
Al 36° tiro di Calderini dal limite che si perde alto sopra la traversa.
Al 37° punizione per la Viterbese dal lato sinistro, pallone messo in mezzo all’area ospite, la difesa dei piemontesi allontana, poi nuovo controcross con colpo di testa di Celiento parato dal portiere ospite.
Al 40° l’Alessandria passa in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pallone messo al centroarea, colpo di testa di Nicco che fa da torre per Marconi che, di testa, da pochi metri dalla porta mette in rete alle spalle dell’incolpevole portiere Iannarilli.
Al 44° bella azione di Benedetti che entra in area piemontese, cross al centro per Calderini che tira in porta ma viene rimpallato da un difensore.
Al 45° se ne va via Calderini sulla fascia sinistra ma la sua azione offensiva viene fermata dall’arbitro che concede una punizione per i piemontesi, facendo infuriare il pubblico della Viterbese e la panchina gialloblù.
La prima frazione di gioco termina con l’Alessandria in vantaggio 1-0 decide la rete di Marconi.


CRONACA DEL SECONDO TEMPO

Al 2° Vandeputte servito in area da Calderini cade a  terra su un contrasto, l’arbitro lascia correre.
Al 3° calcio d’angolo per la Viterbese provocato da un tiro Di Vito deviato sul fondo. Batte Benedetti  che mette in mezzo all’area piemontese un bel traversone, colpo di testa di Bismark, il portiere Vannucchi dell’Alessandria para in due tempi.
Al 6° Vandeputte serve Bismark che viene atterrato  in area piemontese, l’arbitro lascia correre tra le proteste del pubblico e dei giocatori della Viterbese.
All’8° fallo di Micco dell’Alessandria da dietro su Celiento, l’arbitro ammonisce il giocatore ospite.
Al 9°doppia sostituzione nelle fila della Viterbese: entrano in campo De Sousa e Sané ed escono Vandeputte e De Vito.
Al 12° viene ammonito Bismark: cartellino giallo pesante perché il giocatore era diffidato e salterà la gara di ritorno ad Alessandria.
Al 14° calcio d’angolo per i piemontesi senza esito, la difesa dei gialloblù fa buona guardia ed allontana la minaccia.
Al 16° viene ammonito Celiento per un’entrata in anticipo su un giocatore ospite, il difensore aveva prima colpito il pallone poi, sullo slancio, va sul giocatore dell’Alessandria, l’arbitro fiscale lo ammonisce in modo discutibile.
Al 18° tiro di Sestu dai 20 metri che esce fuori di poco dai pali della porta difesa dall’estremo difensore gialloblù Iannarilli.
Al 19° cambio nella Viterbese, esce Peverelli ed entra al suo posto in campo Mosti.
Al 22° cross di Celiento in area alessandrina, la difesa ospite anticipa ed allontana il pallone evitando pericoli.
Al 24° pericolosa mischia in area gialloblù con un batti e ribatti, poi la difesa di casa allontana la minaccia sbrogliando una pericolosa situazione.
Al 27° cartellino giallo per Sané della Viterbese che commette un fallo tattico su una ripartenza dei piemontesi in contropiede.
Al 28° altra sostituzione nelle fila dell’Alessandria, esce Gonzales, una punta, ed entra Fischnaller.
Al 29° altro corner per i piemontesi provocato da Benedetti; pallone scodellato in area viterbese da Sestu, colpo di testa di Piccolo parato dal portiere della Viterbese Iannarilli in presa plastica in tuffo.
Al 31° la Viterbese va vicina al pareggio con un tiro dai 20 metri di Calderini, che viene respinto dal portiere dell’Alessandria Vannucchi in tuffo, il pallone giunge sui piedi di Di Paoloantonio che tira prontamente ma l’arbitro interrompe il gioco per una segnalazione di fuorigioco.
Al 32° cambio nelle fila dell’Alessandria, esce Sestu, entra al suo posto in campo Bellazzini.
Al 34° tiro di Bellazzini dopo un’azione di contropiede, la sua conclusione dai 20 metri si perde di poco a lato dal palo sinistro della porta gialloblù.
Al 36° fallo di Celjak su Calderini, viene concessa la punizione per i gialloblù; palla messa in mezzo all’area di rigore piemontese, la difesa ospite anticipa ed allontana il pallone allentando la pressione dei gialloblù.
Al 37° altra sostituzione nell’Alessandria: esce Giosa ed al suo posto entra Sciacca.
La Viterbese preme alla ricerca del pareggio ma non trova varchi nella difesa ospite che si chiude a riccio.
Al 45° altro angolo per i gialloblù, cross in area, la difesa dell’Alessandria libera con molto affanno.
L’arbitro concede quattro minuti di recupero ma la Viterbese, pur generosa, non riesce a trovare la rete del pareggio e così l’Alessandria si aggiudica la finale d’andata di Coppa Italia vincendo 1-0 allo stadio Rocchi di Viterbo