Sala stampa Viterbese-Livorno

NewTuscia – VITERBO – Se in casa Viterbese continua il silenzio in stampa, nell’ambiente Livorno sprizza gioia e soddisfazione per una larga vittoria che potrebbe valere una fetta di promozione in B. Proprio cosi, perché il 3 a 1 del Livorno che rifila ai ragazzi di Sottili è figlio di un primo tempo quasi dominato dagli amaranto che hanno trafitto Iannarilli tre volte e colpito una traversa, anche grazie alla serata negativa di Sané, terzino viterbese.

In sala stampa si presenta il tecnico Luciano Foschi, vecchia conoscenza del calcio Viterbse, in quanto militò per diverse stagioni con la maglia gialloblu:

“Abbiamo voluto questo successo ed abbiamo sfruttato le occasioni che ci sono capitate. Nel secondo tempo, è vero, abbiamo un po’ sofferto, ma non più di dieci o quindici minuti, poi i nostri hanno messo a posto le cose. Tutti bravi, compresi coloro che sono entrati nel corso della ripresa. Dobbiamo continuare così. Quando ci capitano le occasioni, dobbiamo farle most re. Il campionato è ancora lungo. Il Siena è sempre lì, ma noi vogliamo continuare così fino alla fine. Noi dobbiamo mantenere le distanze. Oggi i ragazzi sono stati bravi a sfruttare le occasioni capitate proprio al fine di non disperdere quanto di buono è stato costruito. La Viterbese? Una buonissima squadra che è in quarta posizione e che merita i punti in classifica”.

Dopo il tecnico Foschi è il turno di Mendes Murillo, protagonista con una doppietta e autentica bestia nera della Viterbese.

“Ho fatto due goal, ma il merito non è solo il mio ma di tutta la squadra. Io cerco sempre di attaccare i difensori avversari e oggi è andata bene, perché loro mi hanno concesso un po’ di spazio. Il primo tempo abbiamo fatto una grande prestazione, nel secondo potevamo gestire un po’ meglio, ma la Viterbese è una grande squadra e vincere qua non era per nulla facile. L’uscita anticipata? Niente di preoccupante, ma ho preso una botta e ho preferito non rischiare perché ancora mancano tante gare alla fine”.