Iniziativa Comune: “La buona (e cattiva) Pasqua della politica”

NewTuscia – Il portavoce Rocco Tiso analizza il momento politico italiano. Auguri ai nuovi presidenti di Camere e Senato, formazione del governo e l’agenda istituzionale per rilanciare il Paese: questi i temi della sua analisi politica.

“Anche questa è fatta! Baci spontanei, perduti abbracci, salamelecchi, pacche sulle spalle. L’accordo tra gli opposti ha funzionato. Parte la XVIII legislatura, anche se non mancano i mugugni e vola qualche vaffa..! Non siamo interessati a mettere il dito nella piaga, ma solo per osservare il nostro ruolo di divulgatori volontari di notizie vere, che i Cittadini hanno il diritto di conoscere, in ordine ai fatti della Politica italiana”.

A parlare è Rocco Tiso, portavoce di “Iniziativa Comune” -, neonato gruppo di Cooperazione e Proposte, composto da “Radici” (Raggruppamento corpi intermedi nessuno tocchi le radici), “Confeuro” (Confederazione degli agricoltori europei e del mondo) e “Soggetto giuridico” (Organismo di aggregazione intercategoriale e coinvolgimento dei cittadini) – che parla del momento politico-istituzionale del nostro Paese: “Alla Senatrice e alto Magistrato Maria Elisabetta Alberti Casellati, neo Presidente del Senato della Repubblica e all’Onorevole Roberto Fico, nuovo Presidente della Camera dei Deputati, facciamo gli auguri per un proficuo lavoro. Le cariche istituzionali, prescindono dal partito con il quale si viene eletti. I cittadini sanno che le autorità costituite sono imparziali e nel contempo si considerano servitori della Repubblica Italiana”. Questa la speranza, che ha il sapore di consapevolezza, espressa da Iniziativa Comune, secondo la quale “I valori, la legalità, la coerenza, l’agire negli interessi generali del Paese, il rispetto delle regole, devono essere la stella polare che guidano le istituzioni democratiche. Nelle condizioni in cui si ritrova il Belpaese, possiamo rappresentare l’ansia, le speranze di quanti credono nelle semplici e chiare norme della Costituzione”.

Preso atto dell’asse tra M5S e Lega, per il portavoce Tiso resta l’urgenza ragionata di dare un Governo all’Italia. Ora tocca al Presidente Mattarella, tessere la tela per formare un nuovo Esecutivo, che sia solido e regga l’urto di coloro che non ci stanno: “Per gli aspiranti – dice -, sarà una Pasqua senz’abbacchio! Il Presidente Mattarella, rinviando le consultazioni ha voluto far capire a noi mortali che “mala tempora currunt”, in nome della Repubblica ci sono i debiti  da onorare si comincia con Pasqua senz’abbacchio!”. Passata la festa, dunque, occorre chiarezza su un Governo, basato su basi solide e concrete: “Primo, una maggioranza ampia, per un governo di prospettive – affermano da Iniziativa Comune -.

Poi, programmi in linea con le esigenze dei cittadini, ma senza sforare il debito pubblico, rispettando gli impegni presi con la Ue”. E ancora, severità per la scelta del presidente incaricato. Passato il nervosismo, restano le promesse! Il prossimo governo sarà la tavolozza dei suoi colori, parte con 30 miliardi, già impegnati”, ricorda Tiso. 12,4 per lo stop agli aumenti Iva dal prossimo Primo gennaio; 12,1 per rispettare degli obiettivi di riduzione del deficit, scritti nei documenti di finanza pubblica, e “vigilati” dall’Europa; 2,4 per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, e di molti enti locali; 3,2 spese “indifferibili”, per le missioni internazionali, azioni di copertura e guerre, armamenti, aerei da bombardamenti e poi la difesa comune europea.

“Quindi con la consegna della campanella, Gentiloni cede al neo Premier anche l’agenda “obbligata” per 30 miliardi – sottolinea il portavoce di Iniziativa Comune, che infine conclude -. Poi ci sarebbero da mantenere anche gli impegni elettorali. Prioritariamente c’è il reddito di cittadinanza, l’aumento delle pensioni, investimenti, lavoro dignitoso per tutti e poi! L’ultima bazzecola sono gli 80 miliardi di interessi per i debiti che hanno fatto gli altri a nome nostro, senza dimenticare le “cambiali” in scadenza con la Ue. Su tutto  ci sono  gli elettori della speranza”.