Camera di Commercio, al via corso di formazione per “comprendere” i nuovi paradigmi dell’innovazione

NewTuscia – TERNI – Sta passando il treno della 4° Rivoluzione industriale. Un treno che porta con se ingenti risorse, quello del Piano Nazionale Impresa 4.0 (che prevede appunto misure specifiche per favorire investimenti in innovazione e competitività delle imprese) ma anche quelle dirette sull’Umbria dai Fondi comunitari (Por-Fesr), e quelle destinate all’Area di crisi complessa”. Una concentrazione di risorse elevatissima significa opportunità di rilancio per il territorio. Ma le imprese devono essere attrezzate per  sapere affrontare le opportunità economiche esistenti. Proprio qui si innesta il ruolo strategico che il Ministero dello Sviluppo Economico ha assegnato alle Camere di Commercio, che attraverso i Punti Impresa Digitale (PId) e non solo, offrono ampio e qualificato supporto al processo di digitalizzazione delle micro e piccole imprese. La formazione imprenditoriale  manageriale e del personale verso questi nuovi linguaggi gioca un ruolo centrale.

Su questo versante la Camera di Commercio di Terni oggi pomeriggio ha presentato un intenso percorso formativo di 36 ore completamente gratuito, rivolto alle piccole e medie imprese e ai loro consulenti, 11 incontri con più di 10 professionisti tra  manager, imprenditori e startupper. Si intitola “Innovare per competere nell’era 4.0” realizzato in collaborazione con il gruppo HDRA’ Consenso, PricewaterhouseCoopers e Unione Giovani Dottori commercialisti ed esperti contabili di Terni e se ne è parlato presso la Sala Consiglio dell’Ente dove mondo industriale, associativo e accademico hanno illustrato le opportunità per il territorio ternano e tracciato un quadro del livello di digitalizzazione delle imprese umbre e nazionali.

“Siamo ben consapevoli delle difficoltà che sta attraversando questo territorio – ha detto il Presidente Giuseppe Flamini aprendo l’incontro – ma siamo anche coscienti che ingenti risorse sono a disposizione provenienti da canali diversi, penso non solo a Impresa 4.0 ma anche ai Fondi europei e allo stanziamento per il Piano delle periferie”. “Ma le risorse non bastano, come non bastano le tecnologie occorre un accrescimento importante di competenze  da parte delle imprese e della pubblica amministrazione, dobbiamo parlare la stessa lingua per agganciare la sfida in corso”.

Antonio Romeo, responsabile Area digitalizzazione Dintec, Scrl ha sottolineato come la sfida alle nuove tecnologie  non riguardi solo il manifatturiero ma anche tutti gli altri settori, agricoltura quanto il commercio (dai sensori speciali per l’irrigazione ad esempio a software dedicati alle vetrine dei negozi), Antonio Tonini, direttore servizi alle Camere di Commercio  Infocamere ha illustrato il livello di digitalizzazione delle Pmi in Italia e nello scenario europeo. Massimo Pellegrino partner Strategy Pwc Italia è entrato invece nei temi inerenti il percorso formativo offerto dalla Camera di Commercio: “Il percorso formativo progettato da PwC e Consenso ha l’obiettivo di offrire un punto di vista non teorico sull’applicazione dei nuovi paradigmi dell’innovazione nelle PMI, guardando a casi ed esperienze reali. Accanto al mantenimento e allo sviluppo delle competenze core, le PMI devono saper gestire la digitalizzazione dei processi che ne supporta la flessibilità, la tutela del know how che informa quei processi tramite politiche adeguate di cybersecurity. .  Il risultato del corso sarà rappresentato da suggerimenti su come aggiornare l’agenda delle PMI locali e i loro strumenti di competizione.”

Il vice Presidente della Giunta regionale, Fabio Paparelli ha sottolineato come “in Umbria non ci sia mai stata tanta concentrazione di risorse come in questo momento sul versante delle politiche industriali. Occorre utilizzarle al meglio per traghettare il tessuto produttivo della nostra Regione lungo le direttrici di Industria ed artigianato 4.0 utilizzando in maniera selettiva gli strumenti a disposizione come i Fondi comunitari e le Aree di crisi complesse e non complesse”.