Situazione Ufficio Tributi, Lucio Corbucci scrive una lettera aperta all’Amministrazione comunale di Viterbo

Al Sindaco del Comune di Viterbo Ing. Leonardo Michelini

All’Assessore alle Entrate Tributarie Dott.ssa Luisa Ciambella

Al Dirigente del IV Settore – Dott. Giancarlo Maria Manetti

SITUAZIONE SERVIZI TRIBUTARI

lucio corbucciLa scrivente O.S. è fortemente preoccupata della situazione in cui si trova ad operare il personale del IV Settore-Ufficio Tributi. Abbiamo più volte segnalato all’Amministrazione le difficoltà che incontrano i dipendenti nell’espletamento delle incombenze loro assegnate. Ciò è causato, in parte, da una ormai cronica carenza di personale (poco è servito l’assegnazione di alcune unità di personale a tempo determinato), in parte, d’altro canto, dall’utilizzo e allocazione delle risorse umane che suscita a questa Organizzazione Sindacale molte perplessità sotto il profilo della ragionevolezza e funzionalità. A tutto ciò va aggiunto l’enorme mole di lavoro conseguente all’emissione di migliaia di Avvisi Di Accertamento, con conseguenti successivi istanze di riesame che, recentemente, ha praticamente ingolfato l’attività lavorativa di quell’Ufficio.

La scrivente O.S., al riguardo, ha tenuto l’Assemblea del personale interessato, nel corso della quale sono emerse tutta una serie di criticità, già sottoposte all’attenzione, sia dell’Amministrazione che della Dirigenza, ma che a tutt’oggi non hanno avuto soluzione. In particolare non è stato ancora provveduto a:

1) una nuova regolamentazione degli orari di apertura al Pubblico.

Quello attualmente in vigore (dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 12,00 e il martedì ed il giovedì anche dalle 15,00 alle 16,30) non consente di poter svolgere l’attività istruttoria;

2) all’emissione da parte del Dirigente di un Ordine di Servizio che stabilisca con esattezza le competenze degli Uffici e le modalità di assegnazione dei carichi di lavoro;

3) all’eliminazione del protocollo cartaceo, che ancora oggi viene utilizzato per l’acquisizione delle istanze in entrata, la cui esistenza, oltre a non avere fondamento giuridico, comporta anche un’errata quantificazione e non lascia tracce delle incombenze che ricadono sui lavoratori. Al fine di porre rimedio a quanto sopra denunciato a cui, a nostro avviso, si può provvedere solo con uno stabile potenziamento di unità a tempo indeterminato ed una riorganizzazione dei carichi di lavoro, la scrivente O.S., sollecita, senza ulteriore indugio, l’Amministrazione a voler adottare i necessari provvedimenti. Si riserva di adottare tutte le ulteriori eventuali iniziative a tutela dei lavoratori.

Il segretario Territoriale Responsabile Enti Locali

Lucio Corbucci