Sanità: Sbardella (NCI), “Zingaretti ha speso malissimo i soldi a sua disposizione”

Pietro Sbardella
Pietro Sbardella

NewTuscia – ROMA – “Tema centrale di questa campagna elettorale è senza dubbio la sanità. C’è da dire che Zingaretti ha speso malissimo i soldi della sanità che ha avuto a sua disposizione. Ricordo infatti  che l’extragettito di circa 900 milioni di euro pagato dai cittadini e imprese del Lazio in virtù dell’addizionale fiscale dello 0,5 obbligatoria a causa del commissariamento della sanità è stato speso da Zingaretti per tutt’altro e non certo per la sanità.  Senza contare che  il presidente uscente spende esattamente la stessa cifra che spendeva Marrazzo quando venne commissariato. La differenza è che la Regione Lazio riceve dal Fondo Sanitario nazionale circa 2 miliardi in più . Però abbiamo 9 mila operatori sanitari in meno, migliaia di posti letto in meno e diversi ospedali chiusi.

C’è stato uno sperpero di soldi. Avremmo bisogno che i soldi venissero  investiti per la sanità del territorio,  per decongestionare gli ospedali, per rimodulare le tariffe delle Rsa, per valorizzare le eccellenze gestionali della sanità  privata , per rivedere il rapporto con i medici di medicina generale allo scopo di migliorare  e remunerare meglio  la loro attività quale importante presidio per la prevenzione e la cura della sanità della nostra regione. In definitiva sulla sanità serve un’inversione di rotta.”  Lo ha dichiarato Pietro Sbardella,  consigliere regionale e capolista di Noi con l’Italia alle elezioni regionali, nel corso della tribuna elettorale andata in onda  su Tgr Lazio Rai.