Eleonora Sacconi sul progetto del porto di Montalto di Castro

loading...
Eleonora Sacconi
Eleonora Sacconi

NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – La campagna elettorale non ha mai termine per il nostro Sindaco che come avevamo già anticipato non sarebbe terminata alle comunali dello scorso giugno.

Purtroppo nella vita spesso le cose non vanno come speriamo e purtroppo non è bastata una cittadinanza onoraria a garantirgli la candidatura tanto sudata alla camera… questo ci dispiace tanto quanto vederlo annaspare, in questi giorni dopo la forzata candidatura alle regionali, con spot che danno solo conferma del caos che regna nella sua amministrazione.
Ha iniziato con la pubblicità sui mezzi, dimenticando il faccione dei vari Storace e Polverini all’epoca, e dimenticando che chiunque pagando può usufruirne..un po’ come quando i suoi video giravano per i locali durante le normali cene al ristorante. Come dice una nota canzone ” come si cambia per non morire “.
Abbiamo letto oggi un altro comunicato, con lettera annessa, volto a colpevolizzare l’operato della giunta regionale e del presidente Zingaretti, relativamente alla bocciatura del progetto del porto di Montalto di Castro. Fatto gravissimo diremmo tutti, ma ci chiediamo se il neo candidato alla Regione Lazio Sergio Caci sia a conoscenza del fatto che l’attribuzione del diniego è avvenuta a seguito di una delibera regionale  che indicava delle osservazioni su alcuni vincoli, osservazioni che poi il sindaco non ha provveduto a seguire.
Una simile incompetenza, e trascuratezza da parte sua hanno fatto si che quei vincoli imposti sulla delibera diventassero effettivi ad oggi.
Invece di travisare la realtà, come sua abitudine , avrebbe dovuto a suo tempo provvedere a risolvere la situazione. Forse gli impegni e i pranzi gli hanno fatto perdere la cognizione del tempo e dimenticare che un ente come la Regione passati i termini dei 30 giorni dagli atti e  a seguito del silenzio del sindaco é tenuto a comunicare l’incompatibilità del progetto con le leggi regionali indicate nella lettera. Un  sindaco che dice di voler rappresentare il comune di Montalto di Castro ai massimi livelli non é in grado di controllare atti di tale importanza che avrebbero potuto cambiare l’assetto economico e sociale  del proprio territorio?
Gliela diamo noi una dritta Sindaco: la conferenza di servizi presso l’autorità competente non é stata chiusa ma SOSPESA, proprio per dare la possibilità, anche a lei, di fare osservazioni e consentire ai suoi progettisti di apportare delle semplici modifiche in risposta alle stesse con le quali aggirare il problema dei vincoli presenti in quella porzione di terreno.
Ci chiediamo come può far credere ai propri concittadini di voler rappresentare il nostro territorio nel miglior modo possibile, quando non conosce nemmeno la gestione degli atti regionali?
Come sua abitudine strumentalizza quanto possibile facendo leva sulla fiducia che la gente ripone nelle sue capacità, vendendo fumo e gettando fango su chi ostacola il suo percorso..tacendo però su quanto sta accadendo in questo periodo nel paese.
Non abbiamo risposte sulla centrale, non ne abbiamo sulla situazione dei pescatori, sul centro Maratonda e tantomeno sull’incursione dei carabinieri e della guardia di finanza in Comune.
Siamo però convinti che grazie al suo staff,compreso l ultimo acquisto Gabriele Rossi,ex assessore  della giunta Carai, che lo stesso criticò tanto, i problemi di Montalto e Pescia si risolveranno sicuramente.
Il Consigliere Comunale di minoranza
Eleonora Sacconi