“A Bbefana bbagnaiola”

Pier Isa della Rupe

NewTuscia – BAGNAIA (VT) – A quei tempi… noi ragazze e ragazzi la sera della Befana andavamo casa per casa a cantare questa canzoncina in cambio ci donavano dolci e caramelle.

LA NOSTRA HALLOWEEN!!!

bagnaia

‘A BBEFANA BBAGNAIOLA

e’ arrivata ‘a bbefana

Adè scappata dalla tana

Larììì laa la

L’ha portata un somarello

Adera de zzucchero e tanto bello

Larììì laa la

Domannava me spione

Se ste fije so state bbone

Larììì laa la

C’era uno disubbidiente

‘a befana ‘n-gnà portato gnente

Larììì laa la

C’eva pure un ccarzettone

Piéno zzeppo de torrone

Larììì laa la

Je le dava me mmonelle

Quelle brave ciuche e bbelle

Larììì laa la

E man quelle un po’ mmusone

j’ha portato  cennere  e carbone

Larììì laa la

E man tutte e BBagnajole

J’ha portato pace e amore

Larììì laa la

 

 

Inno a Bagnaia

(sul motivo musicale dello stornello romanesco)

Bagnaia ci-ha mm’ ‘a piazza un gran cannello

che non ze trova in nessun altro loco

l’antiche l’han chiamato Pisciaréllo

e stae sicuro che n’adè pe’ ggioco.

 

Larà, larà, larà, larà, larà ecc. ecc.

 

Ci-avemo pure ‘a torre medievale

co’ ‘n grosso orloggio che non zona mae

m’ e’ ppeticone poe c’è ‘a Pucciarella

se ll’erano fregata ma mmo’ è ppiù bbella.

 

Larà, larà, larà, larà, larà ecc.ecc.

 

E cc-emo pure ‘a ripa su’ Montecchio

‘a concia co’ colonne so’ un merletto

e’ ppalazzo de’ Dduca appuntellato

se ttu ce soffie te casca su’ ccapo.

 

Larà, larà, larà, larà, larà ecc. ecc.

 

‘A villa Lante pòe è ‘n fiore bbello

co’ cquattro more gnude senza ombrello

e cc’è ‘n giardino granne co’ ‘n boschetto

dove ‘e coppiette se danno e’ bbacetto.

 

Larà, larà, larà, larà, larà ecc. ecc.

 

 

Me qui me’ llavatoro adè ‘na festa

se taja e ccuce senza mal de testa

se lava co’ la lengua a pperdifiato

se parla male pure de’ ccurato.

 

Larà, larà, larà, Iarà. larà ecc. ecc.

 

-scritto da Isa ‘a nipote de Pippo de Pancotto

e da Franco ‘e-nnipote de’ conte Andrea-

(conte perché cotava ‘e ccarciofole)-

 

‘E LL’ANNO NOVO BBAGNAJOLO

 

DOMANE SE COMINCIA ‘E L’ANNO NOVO

CHE DDIO CE LO MANNE BBONO

DE PANE E DE VINO

DE CACIO PECORINO

SE AMMAZZATE ‘E PPORCO

 FACETICE ‘A PARTE

‘A RIMA CHE CCE NASCE

SOPRA ‘A RIMA

‘A ROSA COSTANTINA

SOPRA ‘A ROSA

E’ PICCOLO CE GGIOCA

GGIOCA E GGIOCANNO

EJO ELL’UCELLO CHE VVA VOLANNO

GGIOCA E GGIOCHETTO

 EJO E LL’UCELLO  CHE VA SU TTETTO

EGGRI’-EGGRI’-EGGRO’

CE LE DATE SI O NO?

E SE NON CE LE DATE

VE PIJAMO A BBASTONATE

SEMO VENUTE DA LONTANO

E LONTANO CE TOCCA ANNA’

DADICE QUARCHE COSA

NON POTEMO PIU’ ASPETTA’

 

BAGNAIA 1936

Bagnaia adè un piccolo paesello
situato de sopra ‘na collina
pe l’acqua bbona e pe quel bon vinello 
mella bocca ce viè l’acquolina;
c’è poe e rristorante de Checcarello
che ‘gni specialità te fa in cucina
e polle, ‘a pastasciutta e vvino fresco
ecco quel che passa e zor Francesco.
Ciavemo poe e ll’acqua de pisciarello
quella adè tutta nostra specializzata
doppo che l’hae bbevuta un tantinello
te tocca curre alla ritirata.
De rristorante Nazionale nun favello
mellì robba fresca, birra gelato ‘na cassata
caffè, rum, vermouth e amaretti
ecco quel che passa e zor Biscetti.
E da villa Lante non te dico
che de specialità ce sta un monno
va be che mo hanno fatto schifo
perché l’hanno chiusa proprio de fonno.
C’è ‘a piazza granne, granne dico
dove ‘a marmaja ce fa a battefonno
dove c’è pure ‘a sortoria
e rritiro delli busciardi ‘a barbieria.
Questo adè tutto l’ornamento
d’un paesello pieno d’armonia
dove in ogni tempo e ‘gni momento
ce trovate sempre l’allegria
della musica ce sta e trattenimento
de li buffoni c’è ‘a comitiva
e li studenti fanno li teatrini
che vanno a finì sempre a burattini.
Bagnaia, 15 agosto 1936
Gino Pierini