Corchiano: le colpevoli distrazioni producono danni economici

Corchiano
Corchiano

NewTuscia – CORCHIANO – Il 30 novembre del 2010 in via Marconi crolla un vecchio edificio del borgo. Le macerie invadono la via rendendo insicure anche le abitazioni adiacenti. Da subito la causa del crollo sembra legata alle condizioni di abbandono delle abitazioni e soprattutto da alcuni lavori interni eseguiti in cemento armato,  probabilmente abusivi, che avrebbero appesantito le precarie strutture. Vigili del fuoco d amministrazione comunale intervengono per rimuovere le macerie e mettere in sicurezza i luoghi. I costi degli interventi urgenti e imprevisti vengono coperti dall’amministrazione comunale con l’obiettivo di recuperarli in danno ravvisandosi concrete responsabilità dei proprietari delle unità abitative oggetto del crollo.
Inizia la procedura per il recupero delle somme che come prima fase ,coerentemente al nuovo ordinamento , prevede il tentativo di mediazione presso la camera di commercio.
Tale tentativo si conclude con un nulla di fatto nel luglio del 2016.
A questo punto la procedura prevederebbe la citazione in giudizio presso il tribunale civile per il recupero degli oltre 70.000 euro spesi per la rimozione, smaltimento delle macerie e messa in sicurezza.
A oggi dagli atti del comune non risulta nessuna procedura di recupero delle somme presso il tribunale civile.
Non aver iniziato le procedure di recupero delle somme, a distanza di oltre un anno dal fallito tentativo di mediazione, oltre a rappresentare una colpevole distrazione e un danno per l’amministrazione comunale rende impossibile qualsiasi progetto di recupero definitivo dell’area.
Come Consiglieri di opposizione chiediamo che si attivino immediatamente la procedura anche per evitare possibili perenzioni .
Abbiamo anche chiesto l’intervento del Sig.Prefetto di Viterbo affinché si affermi legalità e giustizia.

I consiglieri di opposizione

Bengasi Battisti
Livio Martini
Paolo Nardi
Paola Troncarelli