Presentazione del libro “Mussei Zerai” a Ronciglione

NewTuscia – RONCIGLIONE – Terzo grande appuntamento in calendario nel Giardino della Biblioteca comunale di Ronciglione, quello di venerdì 15 dicembre,  dove Don Mussie Zerai, insieme al giornalista Rai Giuseppe Carrisi, presentano “Padre Mosè”, un libro, edito da Giunti. Nel viaggio della disperazione il suo numero di telefono è l’ultima speranza, tanto da essere soprannominato “Angelo dei profughi”. Una storia di intraprendenza e coraggio: dall’infanzia senza genitMussei Zeraiori ad Asmara, durante la lotta d’indipendenza contro l’Etiopia, all’arrivo in Italia da profugo, minorenne e solo, fino alla candidatura al Nobel per la Pace nel 2015 e l’ingresso nell’olimpo delle cento persone più influenti al mondo nel 2016, secondo la rivistaTime.

“Aiutare dieci, venti, cento profughi che sbarcano in Italia a ricostruirsi un’identità rischiava di essere poca cosa di fronte alle centinaia o addirittura migliaia di altri disperati che la morte fermava prima. Dovevo fare di più – dice Padre Zerai- aiutarli ad evitare questo destino”.

Con la sua agenzia ogni giorno si fa sentire: offre aiuto e denuncia, portando alla luce tragedie e drammi dimenticati, ma anche resposabilità, silenzi e omissioni.

In un solo giorno tanti incontri tutti dedicati al tema dell’immigrazione, la  mattina appuntamento alle 11,30 presso il teatro comunale interviene la D.S. Prof.ssa Laura Pace Bonelli e modera Prof. Massimo Chiodi riservato agli studenti del Liceo Scientifico, alle 16,30 replica dell’incontro presso la biblioteca comunale rivolto a tutti e conclude la giornata lo spettacolo teatrale “Senza terra” diretto e interpretato da Giuseppe Carrisi. Tutti gli incontri sono ad ingresso gratuito.

Per la biblioteca
Marina Angeletti