Macello lager: le fake news danneggiano le imprese e gli allevatori

coldiretti-viterbo-182x87NewTuscia – VITERBO – In merito agli articoli apparsi su alcuni siti di giornali online, accompagnati da un video, sulla macellazione degli agnelli in un mattatoio della provincia di Viterbo le associazioni di categoria degli agricoltori Coldiretti, Cia e Confagricoltura prendono le distanze dai propagatori di notizie false che destano sconcerto nell’opinione pubblica.

Come precisato dalla ASL il macello cui fanno riferimento i promotori dell’articolo, e del relativo video con riprese a spezzoni, è stato chiuso nel 2015 quando la ASL stessa rilevò il mancato rispetto del benessere degli animali.

La pubblicazione di un articolo e di un video in questo periodo dell’anno quando si stanno avvicinando le festività natalizie, e l’agnello è uno dei piatti delle tradizioni natalizie, non da una corretta informazione all’opinione pubblica ingenerando nella stessa la convinzione che nei macelli avvengano le peggio atrocità nei confronti dei “teneri agnellini”; tutto ciò non corrisponde al vero, la filiera ovicaprina del viterbese è sana e lo dimostrano il fatto che la metà degli allevamenti partecipa al benessere animale seguendo precise regole previste dal bando e che nei mattatoi autorizzati si praticano tutte le misure igienico sanitarie previste dalle norme legislative vigenti.

Secondo il Rapporto ISMEA – Qualivita anno 2016, la Provincia di Viterbo è la prima in Italia per valore della carne ovina (agnelli) certificata con Marchio Europeo IGP Indicazione Geografica Protetta (Abbacchio Romano IGP). Inoltre la presenza della ILCO srl, più importante industria italiana per la lavorazione delle carni ovine, è garanzia di elevati standard di professionalità, rispetto delle norme, affidabilità per i consumatori, serietà della filiera.

Il danno di immagine per la Provincia di Viterbo e per le imprese della filiera ovina è enorme. Le Pubbliche Amministrazioni dovrebbero attivarsi per difendere le imprese della filiera e l’immagine del territorio.

Pertanto le associazioni agricole invitano i consumatori a fare attenzione alle fake news, che oramai ogni giorno propinano qualcosa di sensazionale di tutti i tipi che poi è non vero, e a mangiare tranquillamente le carni ovicaprine perché gli animali sono stati allevati nel pieno delle regole per il benessere degli stessi e per la macellazione i mattatoi viterbesi sono rispettosi delle procedure per ridurre al minimo stress e sofferenze agli animali applicando i metodi di mattazione previsti dalle norme vigenti.

Coldiretti Viterbo

CIA Viterbo

Confagricoltura Viterbo – Rieti

Un pensiero riguardo “Macello lager: le fake news danneggiano le imprese e gli allevatori

  • 9 dicembre 2017 in 1:14
    Permalink

    Filmati girati in macelli che operano nella legalita’ mostrano pressoche’ le stesse atroci crudelta’. Di fake c’e’ solo la vostra coscienza ( se esiste). Vergognatevi

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *