Umbria, un declino economico lungo 15 anni

loading...

NewTuscia – PERUGIA – Fatta 100 la media nazionale della ricchezza prodotta per abitante, l’indice umbro è sceso da 99 del 1995 a 87,5 del 2015. La crisi ha accelerato una caduta che era già in corso (l’indice umbro, dopo essere salito a 99,5 nel 2000, era sceso 96,2 nel 2005 e a 91,7 nel 2010, percomune perugia poi precipitare a 87,5 nel 2015). Altissimo il costo del declino degli ultimi 15 anni: se l’Umbria avesse, in rapporto alla media italiana, mantenuto lo stesso rapporto del 1995, quindi non facendo né meglio né peggio della media, a ogni umbro oggi ‘competerebbero’ circa 3mila 381 euro annui di Pil in più. Il che vuol dire che, a livello complessivo regionale, dovrebbe esserci un Pil superiore di circa 3 miliardi di euro l’anno rispetto a quello attuale. In altre parole, nella regione il declino ha prodotto un ‘buco’ di 3 miliardi di euro di Pil.

 – Tabella2 Pil per abitante nelle regioni valori reali dal 1998 al 2005

Rispetto al Pil per abitante del Centro il ritardo dell’Umbria è salito dal 9,4% al 19,8%, mentre il ritardo nei confronti del Centronord è passato dal 17% al 25,5%. Il Pil per abitante della regione è, quindi, ormai inferiore di oltre un quarto rispetto a quello del Centronord. E nel quinquennio 2010-2015 c’è stato il sorpasso dell’Abruzzo.

Per il professor Luca Ferrucci, Ordinario all’Università di Perugia, l’Umbria è entrata già malata nel tunnel della crisi e per questo ha subito la recessione in maniera più virulenta.

Il testo e le tabelle sono liberamente riproducibili, non è previsto alcun compenso. Si chiede la citazione della fonte per rispetto del lavoro dei datajournalist.

I conti dell’Istat sul Pil (Prodotto interno lordo) per abitante sono per l’Umbria, purtroppo, una Caporetto. Basti dire che l’Umbria risulta la seconda regione peggiore – dopo la Valle d’Aosta – negli ultimi 20 anni, con il Pil medio per abitante che nel 1995 era l’1% inferiore al dato medio nazionale, mentre oggi è sotto del 12,5%. In sostanza, facendo 100 il Pil medio per abitante a livello nazionale, nel 1995 l’Umbria segnava un indice di 99, mentre nel 2015 (ultimo anno per cui l’Istat fornisce i dati del Pil per abitante) l’indice è precipitato a 87,5. Nel 2015 infatti, il Pil per abitante dell’Umbria risulta pari a 23.735,4 euro, contro i 27.044,7 della media italiana. A ogni umbro, quindi, ‘compete’ una ricchezza prodotta annua inferiore di 3.309,3 euro rispetto al dato nazionale. Se l’Umbria avesse, in rapporto alla media italiana, mantenuto lo stesso rapporto del 1995, quindi non facendo né meglio né peggio della media, a ogni umbro oggi ‘competerebbero’ circa 3mila 381 euro annui di Pil in più. Il che vuol dire che, a livello complessivo regionale, dovrebbe esserci un Pil superiore di circa 3 miliardi di euro l’anno rispetto a quello attuale. Che è quello che è andato in fumo a causa del declino che la regione, guardando i dati Istat, patisce da circa 15 anni.

Perché, come dimostrano i dati sul Pil per abitante (vedere tabella 1), il colpo all’Umbria non arriva improvvisamente con la crisi, ma era in corso anche prima. La crisi ha indubbiamente accelerato il processo di allontanamento della ricchezza dell’Umbria dalla media nazionale, che appunto si verificava già dall’inizio degli anni Duemila. Dati che rendono plastica ed evidente l’affermazione del professor Luca Ferrucci, Ordinario all’Università di Perugia ed economista di vaglia, secondo cui “l’Umbria è entrata già malata nella crisi iniziata alla fine del 2008, per questo subendo conseguenze più pesanti”.

Narni

È, in sintesi, il contenuto del rapporto curato dal settore datajournalism di Mediacom043, guidato dal giornalista economico Giuseppe Castellini, che ha elaborato i dati forniti dall’Istat sull’andamento del Pil per abitante nelle regioni italiane, realizzando in particolare un focus sull’Umbria.

 

UN DECLINO LUNGO 15 ANNI

Dai dati dell’Istituto nazionale di statistica emerge che, nel 1995, il Pil per abitante in Umbria era l’1% inferiore alla media nazionale (ossia, fatta 100 la media nazionale, l’indice dell’Umbria era 99). Nel 2000, probabilmente in virtù della spinta data all’economia dall’inizio della ricostruzione post-terremoto 1997, il Pil per abitante umbro era salito al 99,5% della media italiana. Poi inizia un lungo declino, che vede l’indice del Pil per abitante dell’Umbria attestarsi a 96,2 (sempre fatta 100 la media italiana) nel 2005, per poi precipitare a 91,7 nel 2010 e a 87,5 sulla spinta all’ingiù della recessione. Il fatto che l’Umbria perda terreno rispetto alla media italiana durante la recessione è l’ulteriore dimostrazione di come la crisi abbia colpito la regione molto più della media. Insomma, l’Umbria – seguendo l’immagine del professor Ferrucci  – si ammala prima ed entra nel tunnel della recessione dotata di molti meno anticorpi di tante altre regioni. Il risultato è che, appunto, se si guarda al ventennio 1995-2015 l’Umbria è, in germini di andamento del Pil per abitante rispetto alla media italiana, la seconda regione peggiore (la prima è la Valle d’Aosta).

 

IL CONFRONTO DELL’UMBRIA CON CENTRO, NORD E CENTRO-NORD

Sempre guardando agli ultimi 20 anni, il ritardo che l’Umbria accumula rispetto alla media del Centro è quasi pari a quello che accusa verso la media nazionale. Fatta 100 la media del Centro, infatti, il Pil per abitante umbro scende da un indice di 90,6 nel 1995 a uno di 80,2 nel 2015. In sostanza, nel 1995 il Pil per abitante dell’Umbria era inferiore del 9,4% a quello medio del Centro, ritardo che sale al 19,8% nel 2015.terni-provincia

Così, nel 1995 il Pil per abitante dell’Umbria era inferiore del 17% rispetto a quello del Centronord, mentre la differenza è del 25,5% nel 2015, quando appunto il Pil per abitante umbro è inferiore di oltre un quarto rispetto a quello medio del Centronord.

Infine, sempre in termini di Pil per abitanti il ritardo dell’Umbria nei confronti delle regioni del Nord era del 19,9% nel 1995 e si è allargato al 27,7% nel 2015.

 

UMBRIA SUPERATA DALL’ABRUZZO DURANTE IL QUINQUENNIO 2010-2015. E IL VALORE AGGIUNTO DELL’INDUSTRIA MANIFATTURIERA (ESCLUSA L’EDILIZIA) È STATO SUPERATO DA QUELLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Va poi rilevato che, nel corso del quinquennio 2010-2015, quanto a Pil per abitante l’Umbria è stata superata dall’Abruzzo (fatta 100 la media nazionale, nel 2015 l’indice umbro è 87,5 e quello dell’Abruzzo 89,7. L’Umbria, quindi, ha anche perso la caratteristica di avere una ricchezza prodotta per abitante superiore a quella di tutte le regioni del Sud.

Si consideri infine, come rileva il Rapporto economico e sociale 2016-2017 dell’Aur (Agenzia Umbria Ricerche) “L’Umbria tra Toscana e Marche”, che durante gli anni della crisi il valore aggiunto prodotto dall’industria manifatturiera in senso stretto (ossia al netto dell’edilizia) è ormai inferiore al valore aggiunto calcolato per la pubblica amministrazione. Speriamo che i venti di ripresa ribaltino, nel medio periodo, questa situazione.