Perugia, presentazione della nuova edizione della Fiera di Morti

Perugia
Perugia

NewTuscia – PERUGIA – Sarà presentata ufficialmente domani, giovedì 26 ottobre, alle ore 11,00 alla Sala Rossa di Palazzo dei Priori l’edizione 2017 della Fiera dei Morti, che si terrà dall’1 al 5 novembre nelle tre sedi di Pian di Massiano, Piazza del Bacio e Piazza Italia.

Alla conferenza prenderanno parte l’Assessore all’Artigianato, Commercio e Mobilità Cristiana Casaioli, il Presidente del Consorzio Perugia in Centro Sergio Mercuri e rappresentanti di BusItalia e Minimetrò Spa.

LAVORI DI RIPAVIMENTAZIONE DEL CIMITERO MONUMENTALE/ L’INAUGURAZIONE VENERDI’ 27 OTTOBRE ALLE ORE 12,00

E’ prevista per venerdì prossimo, 27 ottobre, alle ore 12,00 l’inaugurazione al Cimitero Monumentale di Perugia al termine dei lavori di pavimentazione dei viali interni. Alla cerimonia saranno presenti, tra gli altri, il Sindaco Romizi e l’assessore Wagué.

BACOSI: ASTRATTO, INFORMALE, PAESAGGISTA/ LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA VENERDI’ 27 OTTOBRE ALLE 11 PRESSO IL MUSEO CIVICO DI PALAZZO DELLA PENNA

Si terrà venerdì 27 ottobre, alle ore 11.00, presso il Museo civico di Palazzo della Penna, la conferenza stampa di presentazione della mostra BACOSI. ASTRATTO, INFORMALE, PAESAGGISTA, a cura di Massimo Duranti e Andrea Baffoni, che sarà visitabile dal 28 ottobre al 3 dicembre.

Bacosi è considerato uno dei più importanti paesaggisti italiani. Le sue opere nel campo della pittura, della grafica, della scultura e della decorazione su ceramica, testimoniano una grande vitalità creativa e un’assoluta originalità espressiva.

Intervengono: Teresa Severini, Assessore alla Cultura, Turismo e Università del Comune di Perugia; Massimo Duranti, Curatore della mostra.

INSEDIATO IL CONSIGLIO COMUNALE STUDENTESCO. DA OGGI I RAGAZZI AL LAVORO PER REALIZZARE IL PROGRAMMA ELETTORALE. IL SINDACO ROMIZI: “CHE IL VOSTRO APPROCCIO ALLA POLITICA SIA DI PRENDERSI CURA IN PRIMA PERSONA DELLA CITTA’ CON RESPONSABLITA’ E COMPETENZA”

In una sala del consiglio comunale gremita, si è insediato questa mattina il consiglio comunale studentesco, composto da ben 42 ragazzi eletti nei vari istituti comprensivi della città, guidato dalla Presidente del consiglio Aurora Bini e dal Sindaco Gabriele Bove con il suo esecutivo, composto da 8 assessori.

Questa la squadra dell’Esecutivo con le deleghe assegnate dallo stesso neo Sindaco Bove:

Riccardo Casciari, Vice Sindaco e assessore all’Ambiente, Giuseppe Rondini assessore all’Urbanistica, Giulia Marcomigni alla Salute, Francesca Torrisi alla Sicurezza, Valerio Castellini alla Scuola, Alice Destriere assessore al Bilancio, Alessandro Vignaroli assessore alla Legalità, Giulio Rondolini allo Sport e Tempo Libero e, infine, ai Quartieri Lorenzo Brustenga. Direttore Generale è stato nominato Andrea Cacciamani.

Come in ogni consiglio vero, ad inizio seduta, si è provveduto a verificare l’esistenza del numero legale, quindi, alla presenza del Sindaco Andrea Romizi, del Presidente del consiglio comunale Varasano, dell’Assessore alle politiche per l’Infanzia e l’adolescenza Wagué si è dato il via ufficiale ai lavori del consiglio dei ragazzi.

“Il progetto della Città che noi vogliamo –ha spiegato in apertura Antonino Chifari, presidente dell’Associazione Green Heart, che ha ideato e promosso l’iniziativa- è riuscito a vincere lo scetticismo che di solito accompagna progetti del genere. E questo grazie all’impegno serio dei ragazzi, di cui sono molto orgoglioso, e al supporto dell’amministrazione comunale che ci ha creduto. E’ vero –ha proseguito Chifari- nelle scuole, a volte, succedono cose non positive, esempi di bullismo da condannare, ma dobbiamo dare visibilità anche alle cose positive che fanno i ragazzi, al loro impegno, perché anche così si superano i problemi. E noi adulti abbiamo il dovere di dare ai nostri ragazzi la possibilità di un futuro migliore.”

Chifari ha, quindi, invitato tutti i consiglieri a impegnarsi per fare di Perugia la capitale della legalità.

Un grande apprezzamento per l’iniziativa e per la serietà dimostrata dai giovani consiglieri è venuta anche dal Presidente Varasano che, nel dare il benvenuto in quella che ha definito la “sala che ospita la massima assise della città di Perugia, ricca di storia e di passione politica” ha spiegato loro il funzionamento di un consiglio comunale e ha invitato i ragazzi a vedere la politica come impegno proprio di ciascun cittadino e non come un qualcosa di lontano da noi.

Concetto espresso anche dal Sindaco Romizi: “Noi abbiamo bisogno di voi, abbiamo bisogno che voi vi avviciniate alla politica con un approccio diverso, che deve essere quello di prendersi cura in prima persona della città, del patrimonio che ci è stato tramandato. Una buona politica parte non dalla volontà di prevaricazione –ha proseguito Romizi- ma, piuttosto, dalla condivisione e dalla volontà di costruire qualcosa insieme e, per questo, sono importanti anche le competenze e lo studio.”

Non è stato da meno il giovanissimo Sindaco dei ragazzi, che ha seguito il Primo cittadino nel suo discorso, definendo l’iniziativa in corso come “un’occasione preziosa per noi ragazzi di dare il nostro contributo per migliorare la vita della nostra bella città.”

“Con l’elezione del consiglio, lo scorso 31 marzo –ha detto ancora Gabriele Bove- abbiamo sperimentato la cittadinanza attiva, la democrazia e la trasparenza, i veri cardini della legalità. Molti ragazzi come noi considerano la politica qualcosa di negativo o di distante e invece noi abbiamo voluto accettare questa sfida che ci è stata proposta dall’associazione Green Heart e dal suo Presidente Chifari, che insieme ai nostri insegnanti e ai dirigenti, ci hanno fatto sentire davvero protagonisti del futuro. Abbiamo un programma da realizzare –ha concluso- e grazie all’amministrazione comunale potremo dimostrare che anche alla nostra età è possibile sperimentare la buona politica, quella orientata alla ricerca del bene comune, attraverso il confronto e la condivisione.”

In conclusione, ha voluto ringraziare i neo consiglieri anche l’Assessore Wagué, che ha tenuto a sottolineare ancora una volta la serietà, la passione e il senso di solidarietà dimostrato da tutti i partecipanti. “Niente di tutto ciò è scontato –ha detto- così come l’amore per questa città, che ci deve muovere tutti quanti.” L’assessore ha anche tenuto a ringraziare i genitori e gli insegnanti senza il cui supporto il progetto non avrebbe potuto avere concretezza.

Da oggi, dunque, il sindaco e i vari assessori lavoreranno con il gruppo di consiglieri della propria scuola per dare concretezza al programma, che spazia dal verde alla salute e alle periferie, dalle scuole alla sicurezza e alla legalità, riunendosi poi periodicamente per decidere e quindi sottoporre le proprie proposte concrete all’amministrazione Romizi.

Intanto, è stato fissato per il 13 dicembre prossimo il primo Consiglio grande in cui il consiglio comunale scolastico si presenta a tutta la città di Perugia alla sala dei Notari alle ore 16,00.

40ESIMO CONGRESSO NAZIONALE ANDAF/LA PRESENTAZIONE UFFICIALE QUESTA MATTINA IN SALA ROSSA

Si apre la mattina di venerdì 27 ottobre alla Sala dei Notari il 40esimo congresso nazionale ANDAF (Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari) che si terrà a Perugia fino a sabato 28 ottobre. Il programma congressuale, dal titolo “Benvenuto Futuro! – le nuove sfide per il CFO nell’era digitale” sarà incentrato proprio sul futuro della professione alla luce dell’evoluzione tecnologica in atto, caratterizzata dalla trasformazione digitale, dalla robotica e dalla cosiddetta Industria 4.0. Nel corso dell’evento si affronteranno temi quali, fra gli altri, l’impatto attuale e futuro del digitale sui principali processi aziendali, i nuovi modelli di mobilità integrata, la trasmissione rapida delle energie rinnovabili e la certificazione dei processi finanziari.

“Siamo onorati e felici che Perugia sia stata scelta per ospitare il convegno –ha sottolineato l’assessore al Bilancio del Comune di Perugia Cristina Bertinelli, nel corso della conferenza stampa di presentazione che si è svolta stamattina a Palazzo dei Priori- un’occasione di confronto su tematiche importanti, che non riguardano solo la sfera economica, ma tutta la nostra società e il nostro futuro. Quando si parla di nuove tecnologie –ha concluso- non bisogna dimenticare che Perugia è la prima città che, entro la fine dell’anno, sarà interamente cablata, proprio nell’ottica di strategie per il futuro che come amministrazione abbiamo voluto intraprendere. Del resto oggi le tecnologie hanno un ruolo centrale nel consolidamento della ripresa e nello sviluppo.”

Sulla scelta di Perugia come sede del convegno è intervenuto anche il presidente di Andaf Roberto Mannozzi, Direttore centrale Amministrazione, Bilancio e Fiscale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane: “La scelta inizialmente era caduta su Perugia per la volontà dell’associazione di contribuire alla ripresa della città e della regione dopo il terremoto. Poi è cresciuta la consapevolezza di quanto felice fosse questo connubio, visto che Perugia ha fatto questo grande investimento sul cablaggio e sulle moderne tecnologie. Senza dimenticare –ha detto- che è una bellissima città a cui personalmente sono anche molto legato per motivi familiari, visto che la mia famiglia viene da Ponte San Giovanni e da Bastia Umbra.”

“Dobbiamo essere pronti a guardare al futuro con fiducia –ha sottolineato ancora Mannozzi- convinti del ruolo fondamentale che i direttori amministrativi e finanziari hanno nel dare supporto e credibilità al processo di ripresa e trasformazione delle nostre imprese, anche attraverso il pieno utilizzo delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie.”

Come è stato spiegato anche da Sergio Lamonica, Responsabile dei Contenuti del Congresso ANDAF, Dante Valobra, Revisore ANDAF e Michele Malusà, Segretario Generale ANDAF, il convegno vedrà la partecipazione di circa 300 direttori amministrativi e finanziari e accompagnatori, che da giovedì 26 ottobre saranno a Perugia. Già nel pomeriggio di domani sarà lo stesso curatore della mostra “Da Giotto a Morandi”, Vittorio Sgarbi, in collaborazione con la Fondazione CariPerugia Arte, ad accompagnare gli ospiti in visita alla mostra stessa.

I lavori del convegno si apriranno, quindi, venerdì mattina con i saluti del Sindaco Romizi, del Presidente Andaf Mannozzi e del Presidente del comitato regionale Umbria dell’associazione Luca Magnanelli, a cui seguiranno gli interventi sui temi dell’evoluzione digitale e della connessione tra luoghi, persone e cose.

A questo riguardo, nella serata di venerdì i partecipanti saranno ospiti di Brunello Cucinelli a Solomeo, quale esempio di lungimiranza imprenditoriale che ha saputo intercettare e connettere la creatività dell’artigianato locale al centro di un progetto in armonia con il territorio e le sue bellezze.

Sabato 29 ottobre, il convegno si concluderà con gli interventi sul tema della dicotomia valoriale della post-modernità, tra cui quello finale del filosofo Umberto Galimberti, che ha a lungo esplorato la relazione tra tecnologia ed essere umano.

“Il convegno del resto –è stato spiegato- è dedicato a quella che s prospetta come la più rapida, diffusa e apparentemente inarrestabile fase dell’evoluzione della tecnologia digitale ed alla sua pervasività nella vita quotidiana degli individui e delle organizzazioni.”

TRE GIORNI DI INCONTRI CON LA GEMELLA TUBINGEN: AL CENTRO IL TEMA DELL’IMMIGRAZIONE/ L’ASSESSORE CICCHI: “UN CONFRONTO PROFICUO CHE RAFFORZA IL GEMELLAGGIO”

Il gemellaggio tra Perugia e Tubingen si è ulteriormente rafforzato nei giorni scorsi in occasione di una tre giorni di incontri cui ha partecipato per l’Amministrazione comunale di Perugia l’assessore Edi Cicchi.

Al centro del dibattito, tra i vari argomenti affrontati, il tema dell’immigrazione, particolarmente attuale.

L’immigrazione – si è detto nel corso degli incontri – è un fenomeno mondiale, che quindi deve essere considerato da tutti i governi ed in particolare dall’Unione europea. Serve che la politica adotti una strategia comune nell’ambito della quale nessuno può essere lasciato solo: né i paesi africani dove ancora imperversa la guerra né quelli dove si muore di fame. Tantomeno, in questo contesto, può essere lasciata sola l’Italia perché è principalmente l’Europa che deve gestire il fenomeno ed assicurare ai cittadini europei il giusto sostegno. La convinzione del Vicesindaco di Tubingen Arbogast è che solo l’Europa unità e solidale potrà superare questa crisi e gestire al meglio l’accoglienza.

Nel corso dell’incontro con la Sig.ra Bock, funzionaria del comune di Tübingen addetta all’integrazione, è emerso che l’accoglienza nella città tedesca presenta tratti molto comuni alla nostra Perugia sebbene Tübingen per scelte urbanistiche del passato non abbia all’ interno della città appartamenti dove ospitare i profughi, ma un “Camp” in periferia, dove si stanno costruendo dei palazzi allo scopo. Molto attivo il volontariato singolo oppure organizzato che si occupa di facilitare i percorsi di accoglienza.

Oltre all’accoglienza, anche altri gli argomenti discussi.

Uno degli incontri ha riguardato il tema: “può l’arte creare economia?

Alla domanda è stata fornita risposta positiva sulla base di un esempio concreto.

Ed infatti da una fabbrica di falegnameria dismessa è nata una “fabbrica teatrale” con tre palcoscenici e con i pannelli solari che garantiscono la necessaria energia. 120 dipendenti tra attori, costumisti, scenografi ecc. 8 milioni di euro annui di fatturato. Rigenerazione urbana. Un esempio…..l’arte che crea valore economico.

Altro tema affrontato quello dell’integrazione.

Nella scuola di danza “DANZON” dal lavoro sulla corporeità emergono le emozioni nascoste di chi ha subito i traumi della violenza, di chi scappa dalla guerra e dalla miseria.

Sono presenti 11 profughi e 6 professionisti nel progetto Tenax. Tra questi Jilani, una ragazzi di 15 anni fuggita dall’ISIS, che grazie all’integrazione ha potuto ritrovare la vita.

“Sono stati tre giorni di interessanti scambi con la gemella Tübingen – è il commento dell’assessore Edi Cicchi – non solo sul tema dell’immigrazione ma su tantissimi argomenti, quali la gestione dei rifiuti, la mobilità, la struttura amministrativa, il recupero di aree urbane, la cultura, il commercio, le scuole. Una full immersion ad ampio raggio che rende possibile rafforzare i legami di gemellaggio tale da permettere ulteriori possibilità di sviluppo per entrambi le città. Dal confronto nascono idee che consentono di migliorare i propri percorsi amministrativi e gestionali in un’ottica Europeista”.

Particolarmente interessante, nel contesto generale, il dibattito sui sistemi dell’accoglienza, dello sviluppo di un rafforzato impegno per sostenersi a vicenda conoscendo e promuovendo le buone pratiche di ciascun paese. E’ emersa la consapevolezza che l’Italia è stata lasciata sola ad affrontare una situazione di portata mondiale; Tubingen ha assunto l’impegno a diffondere quanto ha fatto stimolando l’Europa a fare di più.

DISTURBI ALIMENTARI: L’ASSOCIAZIONE CORAGGIO RACCOGLIE OLTRE MILLE COPERTE IN SEGNO DI SOLIDARIETA’ IL 28 OTTOBRE A PERUGIA. IL 30 LA CONSEGNA A CASCIA/COMUNICATO STAMPA

È nata da meno di 8 mesi ma è cresciuta in fretta, arrivando a camminare su solide gambe, a ideare e portare avanti progetti molto partecipati e di grande interesse e a farsi conoscere ben oltre i confini di Perugia e dell’Umbria. Stiamo parlando dell’associazione Coraggio, fondata a febbraio da un gruppo di familiari di persone affette da disturbi del comportamento alimentare con l’intento di sconfiggere, o quantomeno alleviare, “il dolore, l’incertezza, la solitudine, il sentirsi non compresi, la grande paura” di chi si trova ad affrontare una realtà difficile. “Il disturbo del comportamento alimentare – si legge nella presentazione dell’associazione – sta mettendo a dura prova sempre più persone, sempre più giovani.

È una malattia che, spesso, porta con sé o copre disturbi psichiatrici. Ad un certo punto della vita dei nostri cari compare dirompente, devastante. La sua durata è un’incognita. Porta all’isolamento di chi la combatte e, spesso, della sua famiglia. Le cure non hanno esiti certi: le variabili sono tante e i terapeuti seguono approcci diversi, quindi non esiste la cura che va bene per tutti. È una malattia che, purtroppo, ha anche esiti infausti. C’è chi la definisce malattia dell’anima, chi dei limiti (non ci sono vie di mezzo). Coraggio ha un sogno: “Fare in modo che chi si sente escluso dalla società, perché in difficoltà o perché vive un momento, più o meno lungo, di fragilità, abbia invece un suo ruolo riconosciuto e riconoscibile anche in un processo economico. Il sentirsi utili, perché in grado di saper fare e poter fare, è un diritto di tutti”.

Gli obiettivi dell’associazione sono molto ambiziosi: combattere i preconcetti e i pregiudizi, prima di tutto; quindi migliorare, valorizzare, arricchire i percorsi riabilitativi e di reinserimento delle persone con disturbi alimentari. Un modo potrebbe essere quello di mettere in rete energie per rigenerare piccole forme di micro economia, nelle quali possano trovare spazio gli “esclusi” nel rispetto delle loro inclinazioni e dei loro tempi. Tra le attività di Coraggio, intanto, ci sono attività di sostegno alla valorizzazione della manualità e dei piccoli progetti dal valore sociale. Ecco che, allora, qualche mese fa è partita la scommessa della “Coperta del Coraggio”: attraverso un video, diventato poi virale su Facebook, si è chiesto di lavorare e inviare a Perugia piccoli quadrati di lavoro a maglia per assemblare delle coperte da consegnare, in segno di solidarietà, ai terremotati. Il passaparola si è trasformato in una valanga e sono arrivati talmente tanti lavori da ogni parte d’Italia da bastare per la confezione di ben oltre le mille coperte.

“Sono tutti quadrati carichi di amore e di lacrime – fanno sapere dall’associazione – tutti hanno un carico di emozione fortissima”. C’è stato bisogno di attrezzare un magazzino e di “fare gli straordinari” per portare a termine la missione. E ora c’è l’ultimo miglio da compiere: sabato 28 Ottobre, le coperte raccolte per solidarietà saranno stese sulle scale del Duomo di San Lorenzo a Perugia, colorando la città,  per poi essere consegnate al sindaco di Cascia De Carolis il prossimo lunedì 30 Ottobre, in occasione della festa che si terrà a Cascia.

Pagina facebook:

https://www.facebook.com/Coraggio-237829409959233/?ref=page_homepage_panel